Milano, la Questura vieta la manifestazione di Forza Nuova

Pubblicato il 18 maggio 2010 18:25 | Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2010 18:55

La Questura di Milano ha deciso di vietare il corteo indetto da Forza Nuova per sabato 22 maggio, per le vie del centro, contro il potere delle banche, a causa della concomitanza con l’atteso assembramento di tifosi interisti che seguiranno sabato la diretta della finale di Champions League dal maxischermo di Piazza Duomo. Ci sono stati anche momenti di tensione davanti alla Prefettura, tra i militanti di Forza Nuova e un gruppo di antifascisti che si erano radunati davanti alla Questura proprio per protestare contro l’eventualità che la manifestazione venisse autorizzata.

Secondo Marco Mantovani, portavoce di Forza Nuova Milano l’episodio è l’ultimo di una “escalation di dinieghi contro le nostre iniziative, come la nostra partecipazione alla manifestazione antimafia di Libera e il comizio di chiusura della campagna elettorale a Piazzale Loreto. L’esercizio dell’articolo 21 della Costituzione sembra valere per tutti tranne che per noi. Chi ha preso questa decisione si è reso responsabile delle eventuali situazioni di tensione che avverranno sabato, quando a Milano arriveranno centinaia di militanti dall’Italia e dall’estero”.

Davanti alla Prefettura di Milano, intanto, è stato necessario l’intervento preventivo di agenti in tenuta antisommossa per tenere lontani una ventina di militanti di Forza Nuova, reduci da un incontro con i funzionari della Prefettura, e gli antifascisti dei centri sociali che avevano proclamato il presidio contro il corteo di sabato. I due gruppi di militanti degli opposti schieramenti politici non sono mai arrivati a contatto, anche se Saverio Ferrari, storico militante antifascista e responsabile dell’osservatorio delle nuove destre, ha denunciato di essere stato aggredito da alcuni forzanovisti, rimediando un calcio prima di riuscire ad allontanarsi.

Dopo il divieto al corteo di sabato organizzato da Forza Nuova contro il potere delle banche, l’assemblea cittadina dei comitati antifascisti convocata per questa sera potrebbe decidere di revocare la contro manifestazione annunciata per sabato nel capoluogo lombardo.