Francesca Immacolata Chaouqui lancia Giulia Bongiorno: “Il prossimo premier potrebbe essere lei”

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 gennaio 2018 15:32 | Ultimo aggiornamento: 22 gennaio 2018 15:32
Francesca-Immacolata-Chaouqui

Francesca Immacolata Chaouqui (Foto Ansa)

ROMA – Torna a parlare Francesca Immacolata Chaouqui, pr e lobbista coinvolta in un caso di fuga di notizie in Vaticano. “Ecco chi influenza i leader Berlusconi e Salvini. Giulia Bongiorno? Potrebbe essere premier”.

Chaouqui è intervenuta lunedì mattina ai microfoni di ECG, il programma di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.

Sulle scelte di chi compone le liste elettorali, la pr calabrese ha detto:

“Le liste elettorali sono espressione della vera forza dei leader partitici. Sia di quelli che vediamo sempre in tv, sia degli altri. Berlusconi sta decidendo i collegi e le candidature insieme a Ghedini, Gianni Letta e vicino a lui c’è Licia Ronzulli, forse la persona che gli organizza l’agenda e quella che gli è più vicino in questo momento. Un ruolo molto importante ce l’ha anche Tajani. Per quanto riguarda Renzi, c’è una logica diversa. Sta decidendo prevalentemente da solo, per quanto riguarda la sua corrente. Franceschini ha come persona più vicina in questo momento Alberto Losacco, che decide con lui chi entrerà come candidato nel Pd nella compagine franceschiniana. E poi c’è l’area che afferisce a Prodi, che nell’ombra, rimanendo un passo indietro, sta riuscendo ad orientare molto quello che sta accadendo in quell’area in questo momento. Sul Movimento Cinque Stelle, non capisco la loro demonizzazione dei politici di professione”.

Su Giulia Bongiorno, che l’ha difesa al processo in Vaticano per rivelazione di documenti riservati:

“Dico da tempo che il prossimo premier sarà donna, potrebbe essere donna. A Giulia Bongiorno ho affidato la mia vita nel momento più complicato che mi è capitato, è la persona di cui mi fido di più, vorrei vederla alla guida di questo Paese. E’ una persona che incarna tutto ciò che dovrebbe essere un politico, è intelligente, studia, sa quali sono i limiti oltre i quali non bisogna spingersi, è incorruttibile. Se c’è una garanzia di legalità è lei, all’Italia non potrei augurare niente di meglio. Ha scelto Salvini perché c’erano dei dialoghi in corso da un annetto e su alcuni punti c’è una convergenza di idee assoluta. La legittima difesa, la prevenzione della violenza, la legge sullo stalking sono tutte cose che lei e la Lega hanno in comune. Lei potrebbe essere il prossimo Premier, potrebbe fare da sintesi tra Forza Italia e Lega, è in grado di mediare, ha un buon rapporto con Ghedini e Berlusconi la stima”.