Francesco Tiberio La Torre arrestato. Quando Giarrusso lo intervistò: “La camorra mi fa schifo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 aprile 2018 17:28 | Ultimo aggiornamento: 27 aprile 2018 19:53
Francesco Tiberio La Torre, il figlio del boss arrestato a Mondragone. Quando Giarrusso lo intervistò per Le Iene: "Tifo M5s, la camorra mi fa schifo"

Francesco Tiberio La Torre, il figlio del boss arrestato. Quando Giarrusso lo intervistò per Le Iene: “La camorra mi fa schifo”

NAPOLI – Il figlio del boss Augusto La Torre, Francesco Tiberio, simpatizzante del Movimento 5 Stelle, che a maggio prese le distanze dalla camorra con una intervista rilasciata a Dino Giarrusso (l’ex Iena che poi si è candidata proprio con i grillini), è stato arrestato.

Il figlio e il fratello di Augusto La Torre, già detenuto e considerato a capo del clan La Torre, sono stati arrestati questa mattina, venerdì 27 aprile, ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione illegale di armi da sparo e da guerra, tentata estorsione e tentata rapina, con l’aggravante del metodo mafioso.

Oltre al figlio e al fratello di Augusto La Torre, tra gli arrestati ci sono anche due pregiudicati, di cui uno già in carcere.

Scrive Caserta News:

Dalle conversazioni ambientali, registrate durante i colloqui in carcere, è emerso che Augusto, il fratello Antonio e il figlio Tiberio La Torre in più occasioni abbia fatto riferimento alla detenzione e all’occultamento delle suddette armi. Gli indagati, inoltre, avrebbero anche formulato minacce di morte nei confronti del pm Alessandro D’Alessio. Quest’ultimo, infatti, è titolare dell’indagine insieme a Maria Laura Lalia Morra.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Il figlio di Augusto La Torre, Francesco Tiberio, lo scorso maggio, intervistato dalla Iena Dino Giarrusso, dichiarò di essersi dissociato dalla camorra e di non avere buoni rapporti col padre. “La camorra mi fa schifo e prendo le distanze” disse Francesco Tiberio.

Il servizio delle Iene (questo il link) nacque dopo una denuncia di una europarlamentare del Partito Democratico, Pina Picierno, che notò un commento a favore del Movimento 5 Stelle del figlio di Augusto La Torre. Francesco Tiberio, sotto una foto di Luigi Di Maio scattata a Mondragone, scrisse: “Aria nuova. La speranza per i giovani si inizia a intravedere. Forza ragazzi”.

La Picierno denunciò: “A Mondragone tra poco si terranno le elezioni amministrative. A supportare la lista del M5s oggi è arrivato il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio. Il figlio del boss La Torre commenta entusiasta su Facebook. Di Maio sa di chi si tratta? Sa che il figlio non ha mai preso le distanze dalla terribile storia criminale del padre?”.

Nacque una polemica tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle.

A quel punto le Iene decisero di intervistare Francesco Tiberio. E ad intervistarlo fu proprio Dino Giarrusso che poi alle politiche si è candidato col Movimento 5 Stelle.