Frattini contro i giornali esteri: “Stampa cattiva e disonesta”

Pubblicato il 27 maggio 2009 21:13 | Ultimo aggiornamento: 27 maggio 2009 21:13

Su Berlusconi i giornali esteri fanno «cattiva stampa». Franco Frattini risponde all’attacco mosso al governo italiano e a margine dell’audizione in Commissione Esteri accusa i media stranieri di «disonestà». «Rispetto anche la cattiva stampa che è esercizio di libertà di espressione» ha detto il ministro degli Esteri, «e la tratto come cattiva stampa».

«Non credo che il governo e Silvio Berlusconi in particolare meritino queste affermazioni che vengono sempre dalle stesse fonti ben individuate» ha aggiunto, «se la stampa straniera si interessa al gossip e al pettegolezzo, questo è un problema loro. Noi facciamo attività di governo seria, realizziamo ciò e chi abbiamo promesso agli elettori e raccogliamo risultati».

Nei confronti di Berlusconi, ha aggiunto il capo della Farnesina, «non credo ci siano pregiudizi, ma disonestà». «I risultati del governo» ha detto, «sono sotto gli occhi di tutti: dati, fatti cifre e il consenso degli italiani. Se lo si nega si è disonesti». Non ci sarà un’azione diplomatica, ha aggiunto Frattini, ma «uno sforzo ancora maggiore per far conoscere l’Italia»