Frequenze tv, Passera: “Asta farà incassare alcuni miliardi di euro”

Pubblicato il 22 Novembre 2012 22:56 | Ultimo aggiornamento: 22 Novembre 2012 23:08
Frequenze tv, Passera: "Asta farà incassare alcuni miliardi di euro"

Frequenze tv, Passera: “Asta farà incassare alcuni miliardi di euro” (Foto LaPresse)

ROMA – L’asta delle frequenze tv farà incassare allo Stato alcuni miliardi di euro. Ne è convinto Corrado Passera, ministro dello Sviluppo economico, che ha spiegato: “C’è chi non si è fatto una ragione e dice che non prenderemo niente“. Invece, ha aggiunto: “Nell’immediato quello che vendiamo non darà grandi proventi, ma poi le frequenze serviranno per i servizi 5G e quindi porteranno miliardi”.

Con la decisione di abbandonare la strada del beauty contest con cui le frequenze sarebbero state assegnate gratuitamente, ha ricordato Passera, intervenendo a un incontro del Canova Club, “le abbiamo recuperate e non le abbiamo regalate a nessuno”.

Le frequenze saranno infatti riconvertite per i servizi 5G dal 2016 e quindi assumeranno un grande valore: quando saranno convertite, infatti, torneranno nella disponibilità dello Stato e potranno essere rivendute.

Passera ha poi parlato dei pagamenti elettronici: “A mio parere, se fossimo tutti d’accordo dovremmo arrivare al punto che tutti i pagamenti di ogni tipo siano solo elettronici. Ci arriveremo, ovviamente per gradi” ha osservato aggiungendo che “questo è uno strumento formidabile se vogliamo combattere non solo l’evasione ma anche la criminalità”.

Parlando della Cassa depositi e prestiti il ministro ha detto: “Abbiamo progetti bellissimi con Cdp, è uno dei motori più formidabili che possono contribuire allo sviluppo del paese”.

Infine Passera ha rivelato: “C’è tanta gente che mi da lezioni di meritocrazia e poi mi lascia il curriculum del figlio. L’Italia deve proprio cambiare mentalità, anche se ci vorrà tanto per farlo. Se riuscissimo a introdurre la regola che nessuna nomina avviene solo per l’anzianità avremmo cambiato il mondo”.