Friuli Venezia Giulia: Massimiliano Fedriga (Lega) candidato governatore al posto di Tondo (Forza Italia)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 marzo 2018 10:39 | Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2018 11:34
Friuli, ribaltone centrodestra: Fedriga della Lega candidato governatore

Friuli Venezia Giulia: Massimiliano Fedriga (Lega) candidato governatore al posto di Tondo

ROMA – Si ribalta nel vertice di oggi a Palazzo Grazioli l’indicazione del candidato presidente del Friuli Venezia Giulia per il centrodestra.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Nella ‘partita di giro’ che vede in ballo anche le presidenze di Camera e Senato, nella Regione che andrà al voto il 29 aprile prossimo spunta il nome di Massimiliano Fedriga. Il capogruppo della Lega a Montecitorio viene imposto a ‘furor’ di popolo’ dopo che la base del Carroccio aveva esplicitamente mal digerito la prima scelta, caduta su Renzo Tondo, leader della lista Autonomia responsabile, già di Fi e presidente per la coalizione.

Nel primo pomeriggio, Fedriga riceve l'”investitura” ufficiale da Matteo Salvini, che twitta una foto con lui augurandogli buon lavoro. Era stato proprio il segretario del Carroccio, l’altro ieri a Udine, a raccogliere i dissensi dei militanti e a promettere una decisione “entro 48 ore”. La scelta, stavolta definitiva, sblocca un impasse tra i partiti di centrodestra, in particolare di Fratelli d’Italia, che a livello locale deve raccogliere 3.000 firme per presentare la lista entro domenica e che attendeva il via libera sul nome del candidato presidente da apporre sul simbolo.

La svolta coglie impreparato – ma fino a un certo punto – Renzo Tondo, ‘incoronato’ qualche giorno fa per la corsa alla presidenza Fvg. Incontrando i giornalisti poco prima del “ribaltone”, Tondo ha comunque garantito la propria lealtà allo schieramento da parte della sua lista.

Mentre incassa anche il sostegno del compagno di partito Luca Zaia, Fedriga è già oggetto dei primi attacchi da parte del centrosinistra, che si vanta di aver già scelto il proprio candidato – il vicepresidente Sergio Bolzonello – e soprattutto di averlo scelto in autonomia. Debora Serracchiani, che oggi si è dimessa dalla presidenza della Regione dopo l’elezione al Parlamento, ha parlato di “scarsa considerazione del centrodestra per il Friuli Venezia Giulia, l’ultima ruota del carro dopo che vi sono saliti Camera e Senato”, e definito la coalizione “sbilanciata verso la destra estrema di Lega e Fdi”.

Il panorama dei candidati alla presidenza del Fvg arriva a cinque contendenti annunciati: oltre a Bolzonello e Fedriga, ci sono Alessandro Fraleoni Morgera, ricercatore all’Elettra Sincrotrone di Trieste, per il Movimento 5 Stelle, Sergio Cecotti, già presidente regionale e sindaco di Udine, per il ‘Patto per l’Autonomia’, e Alessandra Guerra, altra ex presidente, per i Verdi. Il termine di presentazione è fissato a mezzogiorno di domenica 25 marzo.