Galan boccia le maxi affissioni per fare cassa pro-restauri a Venezia

Pubblicato il 29 Marzo 2011 - 10:55 OLTRE 6 MESI FA

VENEZIA – Giancarlo Galan, neo ministro alla Cultura, boccia le maxi affissioni pubblicitarie per fare cassa pro restauri a Venezia. “Gli stessi visitatori che vengono per ammirarla non meritano questo spettacolo”.

Per Galan – intervistato dai quotidiani Finegil del Veneto – non si tratta di fare battaglie contro gli enti pubblici ma di avviare una sorta di progettazione, prima per ridurre l’impatto della pubblicita’, e poi per costruire un nuovo rapporto con gli sponsor che sia piu’ attento alle caratteristiche della città.

Galan parla anche della bocciatura da parte della Corte dei Conti di Vittorio Sgarbi ai Civici musei veneziani. ”E’ stato aperto un nuovo bando – dice – per la soprintendenza del polo museale, al termine del quale il ministro valutera’ le candidature e le sue scelte”.

Sul fronte de La Fenice avverte la necessità di eliminare ”privilegi oggi inaccettabili” ma anche di non far venire meno ”le risorse necessarie perché il teatro vada avanti”. Riguardo alla Biennale e alla Mostra del Cinema loda il lavoro di Paolo Baratta e Marco Muller e su possibili loro ricandidature prende tempo lasciando che il Cda concluda il proprio lavoro ”e poi – dice – faro’ le mie valutazioni”.

Da parte sua, poi, nessun ”no” al Festival del cinema di Roma: ”non ho mai detto di abolirlo – conclude Galan – ho solo detto che il ministero sosterrà la Mostra di Venezia e così sarà”.