Gasparri: “Basta pentiti non credibili”

Pubblicato il 12 Dicembre 2009 21:17 | Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre 2009 21:17

«E adesso chi pagherà per il caso Spatuzza-sputazza? Una vergognosa montatura basata su bugie che un semplice uditore giudiziario avrebbe potuto giudicare tali con immediatezza, ma che una serie di magistrati, invece, hanno considerato talmente credibili da ammettere Spatuzza-sputazza in un’aula di giustizia».

Lo dichiara il presidente del gruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri. «Andremo fino in fondo – avverte – e per questo sosterremo con vigore nei prossimi giorni con i senatori Quagliariello e Compagna la proposta di legge per una commissione d’inchiesta sulla gestione dei pentiti. La legge non va cambiata, ma tutto questo capitolo va indagato. Ci sono manovre politico-giudiziarie di togati e militanti della sinistra che, alimentando menzogne, cercano di indebolire la lotta alla mafia che il governo Berlusconi e il Pdl stanno conducendo con un impegno che non ha precedenti».

«Bisogna riformare la giustizia – prosegue Gasparri – approvando le leggi ordinarie che riguardano la durata dei processi, il processo penale e altri capitoli e varando la riforma costituzionale con la separazione delle carriere, la riforma del Csm e altri interventi per porre fine all’uso politico della giustizia con cui la sinistra da tempo cerca di equilibrare le continue sconfitte elettorali. C’è insomma una parte del Paese che ritiene che la libera volontà dei cittadini possa essere vanificata da alcuni atti compiuti nei tribunali e nelle procure».