Gasparri: Casaleggio all’Onu, reddito alla brigatista. Di Maio ha colpito ancora

di Marilena D'Elia
Pubblicato il 30 Settembre 2019 14:05 | Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre 2019 12:23
Gasparri contro Casaleggio rappresentante dell'Italia all'Onu: "Di Maio l'ha trasformato in un rappresentante della Repubblica"

Maurizio Gasparri in una foto Ansa

ROMA – Anche Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, si unisce al coro di quelli che pensano che l’Italia non avrebbe dovuto essere rappresentata all’Onu da Davide Casaleggio:

“È una vergogna appaltare la rappresentanza dell’Italia all’ONU a Casaleggio e alla sua piattaforma Rousseau. È un uso privatistico delle istituzioni da parte dei grillini con il timbro di Di Maio. Questa gente si comporta in modo vergognoso.

“Di Maio trasforma Casaleggio, un signore privato i cui finanziamenti, politici e non, sono tutti da chiarire, in un rappresentante della Repubblica Italiana.

Nel frattempo, nel silenzio totale rotto da un solo giornale, il viceministro delle Infrastrutture Cancelleri svolge un incontro ufficiale accompagnato dalla sorella deputato e dal cognato ingegnere.

“Un esempio di degenerazione familista che nemmeno in un Paese del quarto mondo si potrebbe registrare. Altro che ‘uno vale uno’, altro che trasparenza delle istituzioni. I grillini sono la vergogna d’Italia. Mandano Casaleggio all’ONU e Cancelleri con i parenti a trattare cose istituzionali. Andrebbero sbattuti fuori dalle istituzioni o addirittura in galera.

“Vogliamo una legge sul conflitto d’interesse anti Casaleggio e porterò il caso Cancelleri in Parlamento. Venga in Senato, lo accompagnerò alla porta affinché raggiunga i parenti e la smetta di invadere le istituzioni con la sua incompetenza e la sua inadeguatezza”.

Gasparri ha anche aggiunto: il reddito di cittadinanza a una brigatista è emblema del loro governo.  

“Non mi meraviglio che il reddito di cittadinanza sia finito anche a una ex terrorista come Federica Saraceni, condannata per l’assassinio di Massimo D’Antona. Le procedure volute dai grillini, servono proprio per premiare anche tutta una serie di situazioni ibride.

Chi non ha impiego ha bisogno di un posto di lavoro vero, non di un assistenzialismo che finisce per beneficiare non soltanto coloro che prendono l’assegno e lavorano in nero, ma anche quanti hanno trascorsi turpi come quelli di Federica Saraceni. È la politica dei grillini, un premio al brigatista, una presa in giro a chi cerca un lavoro vero. Non sono paradossi, è la tipica conseguenza del grillismo, che è la peggiore sinistra italiana.

“La Saraceni col reddito di cittadinanza è l’emblema di un partito che manda Casaleggio, non si sa a quale titolo, all’Onu, e un assegno a una brigatista rossa. I grillini sono l’Italia peggiore. Cacciarli è un dovere”.