Gasparri chiude al governo Ursula: “No alla coalizione con M5s e Pd”

di Marilena D'Elia
Pubblicato il 18 Agosto 2019 20:57 | Ultimo aggiornamento: 20 Agosto 2019 11:34
Maurizio Gasparri chiude al governo Ursula: "No alla coalizione di Forza Italiacon M5s e Pd"

Maurizio Gasparri in una foto Ansa

ROMA – Maurizio Gasparri chiude all’ipotesi che Forza Italia possa far parte di un governo basato sulla grande coalizione con M5s e Pd (o almeno parte di esso, cioè la corrente renziana). Negli ultimi giorni si è vociferato spesso di un Governo Ursula, così chiamato perché le forze politiche qui citate sono quelle che, a livello europeo, hanno sostenuto la nomina di Ursula von der Leyen a presidente della Commissione Ue.

Ma il senatore Gasparri non crede questa coalizione sia possibile in Italia: “Credo che dibattiti scomposti per governi innaturali non possano interessare in alcun modo Forza Italia. Il centrodestra ha vissuto anni delicati e spesso si è trovato ad assumere posizioni diverse al suo interno. Ora è proprio Forza Italia che deve ridare una prospettiva seria e matura alla coalizione di centrodestra. Che deve trovare la sua unità e la sua vocazione gollista.

Una proposta di governo rivolta al futuro, che unisca passioni vere e progetti realizzabili. Questo è il senso di marcia che dobbiamo imprimere al nostro cammino. Nel momento dei tatticismi, delle confusioni, delle alleanze ibride che vengono riproposte l’unica via è quella della chiarezza e della coerenza. Questa è la caratteristica di Silvio Berlusconi. Avere indicato formule politiche chiare, aver fondato il centrodestra offrendo a tanti chance di governo, avere cambiato profondamente la politica in Italia, ponendo fine a un monopolio della sinistra e del centrosinistra.

Tutto può fare Forza Italia tranne che favorire soluzioni confuse e pasticciate. Nel momento dei troppi incapaci è il momento della chiarezza e della coerenza. Centrodestra unito, per tornare al governo. Anche attraverso  la verifica popolare”.