Gasparri, stabilimenti balneari: si consenta manutenzione, è settore fondamentale dell’economia

di Marilena D'Elia
Pubblicato il 14 Aprile 2020 14:30 | Ultimo aggiornamento: 14 Aprile 2020 14:35
gasparri

Fisco, Gasparri: immobili massacrati mentre giganti rete pagano cifre irrisorie (Foto Ansa)

Gasparri, stabilimenti balneari: si consenta manutenzione, è settore fondamentale dell'economia

Gasparri, stabilimenti balneari: si consenta manutenzione, è settore fondamentale dell’economia (Foto Ansa)

ROMA- È un settore fondamentale dell’economia italiana che corre, come tutte le aziende del turismo, i rischi connessi alle incertezze dell’immediato futuro. Ho rappresentato al Ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, la necessità per le imprese balneari e per tutti coloro che operano sulle nostre spiagge, di accedere a queste aree per le attività di manutenzione e di preparazione” ha detto il senatore e coordinatore del Dipartimento enti locali di Forza Italia Maurizio Gasparri.

Fa parte di un’Italia che pensa  a un graduale ritorno alla normalità e si prepara per tempo a una ripresa anche economica questa proposta di Forza Italia il cui gruppo al Senato ha lanciato anche l’iniziativa #maresicuro, perché solo negli stabilimenti si possono garantire distanze sociali e misure di prevenzione che le spiagge senza controlli non possono garantire.

L’emergenza sanitaria tuttavia resta alta- l’Italia (al 13 aprile ndr) conta circa 160mila contagiati totali compresi morti e guariti- e la scienza non ha ancora trovato una voce unica per contrastare il coronavirus e suggerire ai dei percorsi sostenibili ai Governi

Continua infatti il senatore forzista: “Non sappiamo come e quando la stagione di queste imprese si potrà avviare, ci auguriamo presto, in base all’evoluzione della situazione sanitaria, ma alla luce dell’ultimo Dpcm che è stato varato, sono consentite tutte le attività di preparazione, di ripristino, di manutenzione che queste imprese devono effettuare.

È opportuno che il governo risponda alla sollecitazione che le associazioni di categoria stanno facendo pervenire in queste ore”.

“Le imprese balneari– ha detto ancora Gasparri- devono poter usufruire delle misure previste nel Dpcm per le imprese, che apre ad  attività collaterali di preparazione, al fine di svolgere le attività di manutenzione degli stabilimenti, dalla pulizia degli arenili alla verniciatura delle cabine.

E’ necessario un atto di indirizzo nazionale, per evitare che sia demandato ad ogni prefettura, con il rischio che in alcune spiagge l’attività di manutenzione sia autorizzata e in altre no.”

“Ovviamente non si tratta di riprendere le attività commerciali aperte ai clienti– precisa il senatore forzista-  ma soltanto di avviare quelle indispensabili operazioni che consentano di verificare lo stato delle strutture per essere pronti al momento della eventuale riapertura degli stabilimenti.”

Dice ancora Gasparri che occorre “cogliere l’occasione dei prossimi decreti per dare maggiore sicurezza agli operatori: la legge di stabilità approvata a fine 2018 prorogava fino al 2033 le concessioni balneari, ma servono le circolari attuative.

Abbiamo chiesto alla ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli di emanare una circolare che assicuri sulla vigenza della norma, in modo che i Comuni possano applicarla

A proposito delle ordinanze emanate dalle singole Regioni, Gasparri sottolinea il sostegno che le Regioni di centro destra danno alle imprese balneari. Il presidente della Liguria Giovanni Toti, dell’Abruzzo Marco Marsilio e del Veneto Luca Zaia hanno infatti appena firmato ordinanze che autorizzano il riavvio di molteplici attività tra cui anche la manutenzione degli stabilimenti balneari,

“È molto importante che una serie di Regioni, dalla Liguria al Veneto all’Abruzzo, abbiano emanato ordinanze che consentano alle imprese balneari di avviare le opere di manutenzione dei propri stabilimenti o di montare le strutture in vista di una stagione che si annuncia certamente difficile, ma che non può essere cancellata.

Bisogna sostenere il turismo e le imprese balneari e il governo si deve svegliare. Deve emanare subito un’ordinanza con cui sostenere questa tesi a favore delle imprese balneari e turistiche. Le Regioni, come sempre, sono state più rapide. Il governo agisca con celerità.

Il turismo e il mondo balneare hanno bisogno di soldi, di sostegno, di prospettive e di futuro. Forza Italia ha contattato in questi giorni, con videoconferenze, tutte le organizzazioni del settore, ha stimolato i propri amministratori locali ad assumere iniziative e sarà a fianco di queste realtà fondamentali per il futuro dell’Italia.

Il turismo e le imprese balneari sanno di poter contare su di noi, sanno di poter contare sulle Regioni guidate dal centrodestra.

Il governo Pd-grillini si svegli perché non si sta interessando in maniera fattiva di questa importante realtà”.

Certamente cercare di ripartire e pensare al dopo epidemia è uno degli argomenti più discussi- incoraggiati dai dati degli ultimi giorni che hanno registrato una tendenza al miglioramento dei dati relativi al contagio da Coronavirus. Rimanere in Italia sembra al momento l’unica scelta possibile per le nostre vacanze che molti sperano di fare nonostante Ursula von der Leyen consigli di aspettare per prenotarle. Le faremo di sicuro portando una mascherina protettiva: secondo l’Organizzazione mondiale della sanità indossarla diventerà la norma per poter riprendere la vita di sempre.

Fonti: Ansa, Ufficio Stampa Senatore Maurizio Gasparri