Genova: 9 rinvii a giudizio per i fondi Ue sulle mense

Pubblicato il 24 ottobre 2011 16:21 | Ultimo aggiornamento: 24 ottobre 2011 16:23

GENOVA, 24 OTT – Il sostituto procuratore di Genova Paola Calleri ha chiesto il rinvio a giudizio per nove persone accusate di turbativa d'asta nell'ambito di uno dei filoni dell'inchiesta sui fondi europei.

In particolare, si tratta del filone che riguarda gli appalti dell' Azienda per i servizi alla persona 'Emanuele Brignole', partecipata del Comune di Genova e dalla Regione, per l' affidamento e la gestione del servizio mense e per la gestione di due strutture della stessa azienda.

Si tratterebbe, secondo l'accusa, di un appalto del valore di 8,7 milioni di euro creato ad arte dai vertici del consiglio di amministrazione del 'Brignole' per l'affidamento del servizio mense delle strutture gestite dall'Asp Emanuele Brignole, per assegnarlo a due societa'.

L'udienza preliminare e' stata fissata per il prossimo 12 gennaio davanti al gup Silvia Carpanini.