Genova 2012. Favorita la sinistra. Ma se Musso (e Udc e Terzo polo)…

Pubblicato il 24 ottobre 2011 23:44 | Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2011 13:12

GENOVA – L’orientamento dei genovesi rispetto ai partiti politici e ai possibili candidati alle elezioni comunali del 2012 è stato oggetto di un sondaggio realizzato dall’Istituto Piepoli di Milano per conto di Blitzquotidiano con interviste telefoniche su un campione rappresentativo dei cittadini sopra i 18 anni.

Il sondaggio su Genova, città di particolare interesse per la sua posizione nella storia politica recente, apre una nuova serie di “finestre” sulle opinioni degli italiani che saranno pubblicate, di volta in volta, su Blitzquotidiano.

Da questa analisi emergono i temi che più stanno a cuore ai genovesi, in larga misura gli stessi che agitano i pensieri di tutti gli italiani.

Al primo posto nella lista dei principali problemi del Comune di Genova ci sono ‘La disoccupazione e la mancanza di lavoro’ (25%), ‘Il traffico e la viabilità’ (21%) e ‘I trasporti pubblici urbani’ (16%).

Seguono, con percentuali nettamente inferiori, ‘Lo smog/ l’inquinamento dell’aria’ (9%), ‘La micro-criminalità’ (8%), ‘Lo smaltimento dei rifiuti’ (5%), ‘Gli extracomunitari’ (5%) (con un peso che è un quinto rispetto alla mancanza di lavoro), ‘L’assistenza alle fasce deboli (anziani, disabili, ecc.) (4%), ‘La sanità’ (2%) e ‘La criminalità organizzata’ (2%)

Dati questi problemi, a quale partito o schieramento politico i genovesi pensano di affidare la guida del loro Comune per il prossimo mandato elettorale?

Stando ai dati del sondaggio ‘Piepoli-Blitzquotidiano’ raccolti tra il 15 e il 17 ottobre 2011, dovrebbe essere ancora la sinistra a ottenere il mandato, anche se con maggiori difficoltà rispetto al passato.

I ricercatori dell’Istituto Piepoli, infatti, ritengono possibile che il candidato del centro-sinistra genovese debba affrontare il ballottaggio.

Chi vedono i genovesi sulla poltrona di sindaco?

Se i candidati di sinistra resteranno quelli di oggi (Marta Vincenzi, sindaco uscente, Roberta Pinotti, Marco Doria, Andrea Sassano e Manuela Arata) la Vincenzi dovrebbe ancora prevalere.

Come scrive il rapporto: “Il Centro Sinistra ha un buon vantaggio sul Centro Destra (circa 10 punti) ma una sua vittoria al primo turno non è scontata, attestandosi infatti poco sopra al 50%. Il giudizio sull’operato dell’Amministrazione Comunale guidata da Marta Vincenzi è ambivalente, con una prevalenza di giudizi negativi. Nonostante ciò, Marta Vincenzi rimane la candidata preferita per il Centro Sinistra, superando di poco (2%) Roberta Pinotti, che sconta un livello di conoscenza più basso rispetto all’attuale sindaco”.

L’opposizione di centro-destra appare svantaggiata da un gap di 10 punti. I candidati attualmente favoriti sono Raffaella Della Bianca (Pdl) e Edoardo Rixi (Lega Nord) anche se resta l’incognita di Enrico Musso, professore ordinario di Economia Applicata nell’Università di Genova e senatore del Partito Liberale Italiano, candidato con ‘Lista Civica Oltremare’.

Secondo la ricerca Musso, solo con la sua lista contro tutti, otterrebbe il 5,5% dei consensi ma può contare su una forte popolarità tra i suoi concittadini: il 67% dei genovesi ha infatti dichiarato di conoscere il candidato e il 46% ha ammesso di avere molta o abbastanza fiducia in lui, percentuale superiore anche a quella della Vincenzi (43%).

La posizione elettorale di Musso è considerata fondamentale per il centro-destra. Infatti, come si legge nel rapporto: “Nel Centro Destra la situazione è ancora molto incerta e equilibrata e nessun candidato sembra prevalere nettamente rispetto agli altri. In questo momento i candidati che raccolgono il maggior numero di preferenze sono Raffaella Della Bianca e Edoardo Rixi (non molto conosciuto ma con un elevato livello di fiducia da parte di chi lo conosce). Qualora Enrico Musso si presentasse con una propria Lista, al di fuori del Centro Destra, in questo momento raccoglierebbe circa il 5% dei voti e farebbe decisamente aumentare le probabilità di andare al ballottaggio. Decisiva in questo senso sarà anche la scelta dell’UDC e in generale del Terzo Polo”.

Si nota una significativa differenza tra gli elettori nel valutare i propri candidati.

Nel centro-sinistra infatti sia se è presa in considerazione l’opinione del totale degli interpellati sia se è valutata soltanto quella degli elettori dello schieramento le percentuali di preferenza non cambiano.

Per il totale dei genovesi presi in considerazione nel sondaggio la Vincenzi risulta essere il candidato preferito (22%), seguita poi dalla Pinotti (21%) e da Doria (3%). Risultati simili si riscontrano tra gli elettori del centro-sinistra dove è sempre la Vincenzi ad essere favorita con il 37% davanti a Pinotti (35%) e Doria (6%)

Al contrario, nella coalizione di centro-destra, si può notare una notevole differenza di giudizio tra gli elettori ‘totali’ e quelli del singolo schieramento.

Per gli elettori del centro-destra il preferito come candidato sindaco è il leghista Rixi (25%), seguito da Della Bianca (20%) e Cassinelli (18%). Emergono risultati differenti se si considera il totale dei genovesi con una preferenza per Della Bianca (12%), seguita da Rixi (10) e Rosso (8%).