Gerry Scotti snobba Berlusconi: “Politica? Ho stradato, pensasse a Ibrahimovic”

Pubblicato il 6 giugno 2012 9:17 | Ultimo aggiornamento: 6 giugno 2012 9:17

Gerry Scotti (Foto LaPresse)

ROMA – Gerry Scotti non salverà il Popolo della Libertà. Il noto presentatore ha gentilmente declinato l’invito di Silvio Berlusconi. Intervistato da Marco Pagani per il Fatto quotidiano Scotti ha sottolineato che la sua candidatura come anti-Grillo ”annunciata” all’ex premier del Pdl altro non era che una battuta. Il pensiero di Scotti non va alla politica, ma al calcio: “Mi inquieta la possibile partenza di Ibrahimovic al Psg. Tifo per il Milan e uno come Zlatan non lo sostituisci facilmente”.

Scotti è stato deputato alla Camera per cinque anni, tra l’87 e il ’92, con il Partito socialista e dice a Pagani: “Vede caro, io in politica ho già dato. Anzi, ho stradato”.

Il web ha preso con ironia la sua probabile candidatura, tanto che in molti scrivono su Twitter “Lo accendiamo”. Pagani fa notare a Scotti che in molti gli “fanno il verso”, e lui replica: “E lei lasci fare. Sul tema della mia presunta, molto presunta discesa in campo, ho dettato un’agenzia”.

5 x 1000

Scotti ha spiegato che la politica non fa per lui: “Lei non mi conosce e forse ignora che a quel mondo, preferisco la mia poltrona. Le ferie. La vita sedentaria. La pace. Gli Europei osservati con i piedi sul tavolo. Iniziano venerdì. Se le sembra poco”.

Scotti ha detto: “Posso solo dire “Coraggio a chi ne ha bisogno, ossia a tutti – e poi la ‘velata’ critica a Moni- Un augurio a chi sta male davvero, i terremotati. Ho tanti amici in Emilia”.