Giambattista Borgonzoni: “Mia figlia Lucia dovrebbe provare vergogna a raccontare balle”

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Gennaio 2020 14:06 | Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio 2020 14:06
Giambattista Borgonzoni: "Mia figlia Lucia dovrebbe provare vergogna a raccontare balle"

Lucia Borgonzoni (Ansa)

ROMA – “Mia figlia Lucia Borgonzoni dovrebbe provare vergogna a raccontare balle. E’ falso che non ci sentiamo da quando aveva cinque anni, ho le prove”: a dirlo, intervenendo a La Zanzara su Radio24, è Giambattista Borgonzoni, padre della candidata della Lega e del centrodestra alle elezioni regionali in Emilia Romagna. 

Borgonzoni senior, dichiaratamente di sinistra, ammette che voterà il candidato del Pd Stefano Bonaccini ma che è “più che possibile che mia figlia possa vincere le elezioni, e il mio sarà uno dei primi telegrammi. Non c’è problema”. Eppure tra i due i rapporti non paiono ottimali. 

“Se avete occasione praticamente di sentire mia figlia Lucia, ditele semplicemente che provi un po’ di umana vergogna nel raccontare balle tipo io non parlo più con mio padre da quando avevo cinque anni. Questa è una bugia sesquipedale”, ha detto Giambattista Borgonzoni a La Zanzara. “E’ assolutamente falso. E’ una falsità a livello documentale, ma lei mi ha fatto una domanda ed io giustamente le do la risposta. E’ falso e dimostrabile”.

Borgonzoni ne ha avute anche per Matteo Salvini e Giorgia Meloni: “Quando vedo il panzone Salvini penso che dovrebbe pagare i diritti e le royalty ad Albanese che nel 2008 ha inventato la figura del ministro della paura… ma Salvini le royalty le paga ad Albanese si o no?. La Meloni mi è più simpatica di Salvini. Perché è donna, per la vitalità che esprime, perché è ruspante. Beh, sì, è una fascistella”. (Fonte: La Zanzara)