Giampiero Catone condannato a 8 anni per bancarotta

Pubblicato il 22 Febbraio 2012 21:53 | Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio 2012 21:56

ROMA – Il tribunale di Roma ha condannato a 8 anni di reclusione Giampiero Catone, deputato del gruppo Popolo e Territorio e fino allo scorso novembre sottosegretario al ministero dell'Ambiente del governo Berlusconi. Il parlamentare e' accusato di bancarotta fraudolenta, patrimoniale e documentale, per alcuni miliardi di vecchie lire della societa' Corined srl dichiarata fallita a Roma nel 1999 e della Commertex sas, il cui crac e' stato definito dal tribunale di Verona nel 2000.

Ad emettere la sentenza e' stata la decima sezione penale del tribunale capitolino al termine di una camera di consiglio durata alcune ore. Oltre a Catone, che per questa vicenda venne arrestato nel maggio del 2001, il tribunale ha stabilito una condanna a sei anni all'amministratore formale delle societa' Pietro Barosco e al socio accomandatario Dario Gardelli. Assolto invece Santo Antonio Bifano, consulente di Catone al quale erano stati attribuiti alcuni 'aggiustamenti contabili' per un'altra decina di imputati altra cui anche Massimo Catone, fratello del parlamentare, il tribunale ha emesso sentenza di non doversi procedere per prescrizione dei reati. Anche la stessa accusa di bancarotta, in base a quanto si apprende, attribuita a imputati raggiunti da condanna, finira' in prescrizione entro la primavera di quest'anno.