Gianfranco Fini: “La casa di Montecarlo? ​Sono stato un c…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 dicembre 2016 10:54 | Ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2016 10:54
Gianfranco Fini (foto Ansa)

Gianfranco Fini (foto Ansa)

ROMA – “Sono davanti a un bivio: o sono stato talmente fesso oppure ho mentito volutamente. In cuor mio so qual è la verità e non pretendo di essere creduto ma per me questo è un dramma famigliare”. Parole e musica di Gianfranco Fini che, intervistato dal Fatto Quotidiano, parla dell’ormai famosa casa di Montecarlo tornata alla ribalta dopo l’operazione di ieri della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma.

Giancarlo Tulliani – riprende Fini – mi disse che l’appartamento non era di proprietà e io dissi che se fosse stata di sua proprietà mi sarei dimesso. Gli ho creduto sì”. E ancora, viene incalzato: da segretario di An ha venduto una casa del partito alla società di sua moglie. Non pensa di dover chiedere scusa? “Se l’avessi saputo – risponde Fini – non l’avrei venduta. Secondo lei è piacevole a 65 ammettere di essere un coglione?“. E infine, quando gli chiedono cosa vorrebbe dire ai vecchi militanti del Msi e di An, Fini conclude: “Che sto soffrendo quanto loro e sono stato un coglione, ma non sono mai stato un corrotto”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other