Giorgia Meloni: “Salvini? Troppo facile dire che ha sbagliato. Ma non ho capito la sua offerta di premiership a Di Maio”

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 Settembre 2019 15:44 | Ultimo aggiornamento: 9 Settembre 2019 15:44
Giorgia Meloni tra Giovanni Toti e Matteo Salvini

Giorgia Meloni tra Giovanni Toti e Matteo Salvini (Foto Ansa)

ROMA  –  “E’ troppo facile dire che Salvini ha sbagliato ad aprire la crisi, è come fare gli allenatori a fine partita, per me la crisi andava aperta all’indomani delle elezioni europee”: la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, intervistata da Simone Spetia e Maria Latella a 24 Mattino su Radio 24 prende le difese del leader della Lega, ma non del tutto. 

“Piuttosto io non ho capito moltissimo l’aver aperto la crisi e poi chiedere a Di Maio di fare il premier, dicendo che ha lavorato bene. Secondo me Di Maio ha lavorato pessimamente, al Mise ci sono circa 280 tavoli di crisi industriali aperti e Di Maio non ne ha risolto neanche uno sul piano industriale, è stato un pessimo ministro dello sviluppo economico e del lavoro”.

“Io punto a lavorare perché ci sia una coalizione, ampia, credibile, e possibilmente meno “ballerina” degli ultimi anni, con gente che rimane nel centro-destra, come ha fatto FdI, per poter dare all’Italia un Governo sovrano, forte coeso e duraturo e che possa durare cinque anni”, ha spiegato Meloni a Radio 24.

Secondo la leader di FdI “Salvini è il leader soprattutto della Lega, in questi anni si è comportato da leader delle Lega, però io sono una persona cui piace fare il gioco di squadra. Però per ora mi pare che ci sia molto da lavorare sul tema di una coalizione capace di lavorare compattamente. Nella gestione della stessa crisi (di Governo) siamo andati in ordine sparso”.

Fonte: Radio 24