Napolitano “striglia” i partiti: “Elezioni anticipate? Decido io”

Pubblicato il 30 luglio 2012 18:56 | Ultimo aggiornamento: 30 luglio 2012 18:56

Giorgio Napolitano (Foto Lapresse)

ROMA – I partiti si azzuffano e confabulano su possibili scenari di elezioni anticipate, minacciano di togliere la fiducia al governo? Il presidente della Repubblica Napolitano li “striglia” tutti con un messaggio che non lascia dubbi sull’interpretazione: decido io. Decide il Colle se sciogliere le Camere. E siccome, questo dice il presidente, non c’è alcuna intenzione di anticipare il voto naturalmente previsto per la prossima primavera, la legislatura arriverà a compimento. Con la guida di Mario Monti, si intende. Questo si legge tra le righe dell’ufficialità del comunicato presidenziale: ”In quanto a ipotesi che appaiono sulla stampa di possibile anticipazione delle elezioni politiche normalmente previste per il prossimo aprile – si legge nella nota del Capo dello Stato – ritengo di dover sollecitare la massima cautela e responsabilità in rapporto all’esercizio di un potere costituzionale di consultazione e decisione che appartiene solo al Presidente della Repubblica”.

Il presidente poi sollecita i partiti a trovare un’intesa sulla riforma elettorale. “Nei giorni scorsi – si legge in una nota – anzichè chiarirsi e avvicinarsi, le posizioni dei partiti da tempo impegnati in consultazioni riservate, sono apparse diventare più sfuggenti e polemiche. Debbo dunque rinnovare il mio forte appello a un responsabile sforzo di rapida conclusiva convergenza in sede parlamentare. Ciò corrisponderebbe con tutta evidenza al rafforzamento della credibilità del Paese sul piano internazionale in una fase di persistenti gravi difficoltà e prove”.

”Negli incontri che ho avuto nei giorni scorsi con il Presidente del Senato e il Presidente della Camera abbiamo constatato come a distanza di oltre 20 giorni lo sforzo da me sollecitato con lettera del 9 luglio non abbia purtroppo prodotto i risultati attesi. Altre settimane sono trascorse senza che abbia avuto inizio in Parlamento l’esame di un progetto di legge elettorale sulla base dell’intesa, pure annunciata come imminente da parte dei partiti rappresentanti attualmente la maggioranza e aperta al confronto tra tutte le forze politiche. L’ipotesi che avevo prospettato all’inizio di luglio ai Presidenti delle Camere, perché la ponessero all’attenzione dei Presidenti dei gruppi parlamentari, era quella della formalizzazione di un testo di riforma largamente condiviso, anche se non definito su alcuni punti ancora controversi.

Ma nei giorni scorsi anziché chiarirsi e avvicinarsi, le posizioni dei partiti da tempo impegnati in consultazioni riservate, sono apparse diventare più sfuggenti e polemiche. Debbo dunque rinnovare il mio forte appello a un responsabile sforzo di rapida conclusiva convergenza in sede parlamentare. Ciò – sottolinea Napolitano – corrisponderebbe con tutta evidenza al rafforzamento della credibilità del paese sul piano internazionale in una fase di persistenti gravi difficoltà e prove”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other