‘Il Giornale’ attacca la Boccassini: “Quella volta che dimenticò un innocente in carcere 9 mesi”

Pubblicato il 7 Marzo 2011 13:40 | Ultimo aggiornamento: 7 Marzo 2011 13:40

Ilda Boccassini

MILANO – Continua l’attacco del ‘Giornale’ a Ilda Boccassini, la pm di Milano che sta indagando sul caso Ruby. Domenica il quotidiano vicino alla famiglia Berlusconi ha pubblicato un articolo in cui si parla di quella volta, nel lontano 1981, in cui la Boccassini “si dimenticò di un detenuto innocente 9 mesi in carcere”.

La storia, secondo ‘Il Giornale’, è questa: “Il 13 novembre 1981 finisce a San Vittore un ragazzo di origine slava, Mirsaad Adzimuhovic. E lì resta per nove mesi, fino al 26 luglio. Fermato e portato in caserma per «false generalità», venne interrogato 4 giorni dopo dalla Boccassini. Il fermo, secondo il pm, non fu convalidato, ma all’ufficio matricola del carcere secondo l’agenzia Ansa non arrivò mai. Sempre secondo la Boccassini il verbale di carcerazione venne ‘smarrito’. A marzo Adzimuhovic scrisse una lettera al giudice di sorveglianza e un magistrato dell’ufficio gli rispose due giorni dopo che doveva considerarsi ‘a disposizione della procura’. Passarono altri mesi e il detenuto chiese di parlare col giudice di sorveglianza Francesco Maisto. Fu lui a chiedere al pretore la scarcerazione del detenuto, che scattò solo alcuni giorni dopo che la procura l’aveva a sua volta disposta. Il caso indignò l’opinione pubblica, tanto che alcuni parlamentari chiesero al ministro di Grazia e Giustizia quali provvedimenti avrebbe adottato per ‘accertare le responsabilità del drammatico episodio» e come sarebbe stato risarcito l’uomo per la ‘sconcertante negligenza dei pubblici poteri’“.