Favia dice no a Bruno Vespa: “Grillo? Non parlo, ma potete fare un plastico…”

Pubblicato il 12 settembre 2012 19:15 | Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2012 19:16
Giovanni Favia

Giovanni Favia (Foto Lapresse)

BOLOGNA – Giovanni Favia, il consigliere regionale grillino dell’Emilia Romagna che ha fatto scoppiare l’affaire democrazia interna nel Movimento 5 Stelle, non vuole andare da Bruno Vespa. Dopo aver sollevato un polverone proprio in tv e aver confermato la sua versione dei fatti sul presunto strapotere nel partito di Beppe Grillo e soprattuto di Gianroberto Casaleggio a ‘Otto e Mezzo’, ora non vuole più parlare.

Su Facebook ha scritto: ”Oggi pomeriggio mi ha cercato la redazione di ‘Porta a Porta’ invitandomi in trasmissione. Chiedo subito: ‘Finalmente avete deciso di parlare del rinvio a giudizio di Vasco Errani? Del milione di euro alla cooperativa del fratello?’. ‘No, volevamo tornare sul suo fuorionda’. ‘Grazie dell’invito ma preferisco di no. Però se vuole posso spiegare agli scenografi com’era disposto il bar per aiutarli a fare il plastico”’.

La platea di Favia si è divisa nei commenti. C’è chi lo sostiene, ma molti non dimenticano la polemica durissima con Beppe Grillo: ”Non ti dice niente il fatto che il banditismo mediatico ti cerchi con così tanto interesse?”, ”Non sarebbe il caso di argomentare le tue accuse invece di pensare a Vespa?”, ”Eh però, solo ora t’accorgi che i talk show sono da evitare?”, alcuni dei commenti più duri nei suoi confronti.