Giovanni Tria: “Non mi dimetto. Se me ne fossi voluto andare l’avrei fatto tre mesi fa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 dicembre 2018 10:26 | Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2018 10:26
Giovanni Tria: "Non mi dimetto. Se me ne fossi voluto andare l'avrei fatto tre mesi fa" (foto Ansa)

Giovanni Tria: “Non mi dimetto. Se me ne fossi voluto andare l’avrei fatto tre mesi fa” (foto Ansa)

ROMA – “Io non mi dimetto. Non esiste, nel modo più assoluto. Ho letto che è stato scritto, ma è una cosa che non esiste. Ma poi, spiegatemi perché dovrei andarmene proprio adesso?”.

Il ministro dell’Economia Giovanni Tria smentisce così, in un colloquio con Repubblica, l’ipotesi di sue dimissioni. “Se è vero che sono il vincitore morale – spiega – a maggior ragione continuo a fare il ministro. Se me ne fossi voluto andare, l’avrei fatto tre mesi fa”. “Se avessi voluto dimettermi – fa sapere Tria – se avessi voluto lasciare tutto, l’avrei fatto la sera in cui hanno annunciato il deficit al 2,4%. Lì sì che c’era un motivo”. “Non l’ho fatto allora – rimarca -, quella sera del 2,4%. Oggi siamo qui ed è possibile capire perché presi quella decisione. Oggi si possono vedere i frutti di quella scelta”. “Se il problema fosse stato la mia faccia e non il Paese – dice ancora -, allora non avrei proprio accettato di entrare al governo o, una volta entrato, non sarei rimasto. Ci sono stati momenti particolari, certo, ma le assicuro che resto al mio posto. Anzi, scusate: ma chi è che mette in circolo la voce delle mie dimissioni?”.