Giulietti: “Soldi alla cultura? Risultato parziale, più fondi con l’Election day”

Pubblicato il 24 Marzo 2011 0:37 | Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2011 0:37

Giuseppe Giulietti

ROMA – “Contrariamente alle aspettative il governo non ha ripristinato completamente i fondi tagliati per le attività culturali e dello spettacolo ma ha operato solo un reintegro parziale, anzi parzialissimo e per di più condizionato da entrate future legate all’asta per il digitale, a loro volta subordinate ad una serie di variabili internazionali e nazionali che neanche il governo è in grado di prevedere. In ogni caso al di là di ogni polemica consideriamo questo un primo risultato strappato da tutte le associazioni e movimenti e organizzazioni sindacali del settore che da mesi si stanno battendo contro i tagli e contro le insolenze di alcuni esponenti del governo”.  E’ la posizione, espressa in una nota dal portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti.

“Per questa ragione – aggiunge Giulietti – continuiamo testardamente a rilanciare, forti anche delle migliaia di adesioni raccolte la nostra proposta: unificare le date di amministrative e referendum e utilizzare i soldi risparmiati per reintegrare completamente il Fus e i fondi per la ricerca e la scuola pubblica. Articolo21  non solo parteciperà alla tre giorni in tutta Italia dalle organizzazioni sindacali del settore e rivolgerà contestualmente un appello al mondo della comunicazione non solo ad essere presenti ma a dare voce e volto a tutti i protagonisti di questa grande industria senza la quale, peraltro, non esisterebbe neanche la tv”.