Governo, Grillini: “Sulle coppie gay Gasparri è come un ayatollah”

Pubblicato il 9 agosto 2010 17:11 | Ultimo aggiornamento: 9 agosto 2010 18:23

Franco Grillini

”Gasparri afferma, replicando a Della Vedova, che la questione dei diritti delle nuove famiglie non si può discutere perché è fuori dal programma di governo. E questa è una buona ragione per andare ad elezioni e liberarsi di un governo reazionario e impopolare”. Lo afferma in una nota il responsabile del dipartimento diritti civili e associazionismo dell’Italia dei Valori, Franco Grillini.

”Se fosse per Gasparri – aggiunge – in Italia si applicherebbe la legge della Sharia, tant’è che a volte viene il sospetto che il capogruppo del Pdl in Senato si dimentichi di vivere in una democrazia. Ieri Della Vedova aveva auspicato che il Parlamento potesse finalmente occuparsi dei diritti civili delle coppie di fatto, della legge 40 e del testamento biologico, superando gli steccati ideologici e interessandosi dei diritti delle persone. Purtroppo la maggioranza di governo, o per meglio dire quello che ne rimane, è dominata – conclude Grillini – da Ayatollah come Gasparri che rendono difficilmente praticabile una politica dei diritti civili in Parlamento.