Governo, Il Foglio: “No ad un pastrocchio tecnico”

Pubblicato il 9 Novembre 2011 23:06 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2011 23:25

ROMA, 9 NOV – ''Dopo di me il diluvio. Il diluvio elettorale. E' normale che Berlusconi senta la pressione, che ha le sue ragioni, in favore di una soluzione intermedia tra le sue imminenti dimissioni e il voto'', scrive Giuliano Ferrara in un editoriale per il Foglio di domani.

''E' psicologicamente, tatticamente normale che lasci correre voci bestiali e confuse su governi di emergenza, di larghe intese, di allargamento della maggioranza. Ma – prosegue – Berlusconi sa due cose, che sono inscritte nel suo dna di avventuroso uomo di stato e fondatore di un'Italia molto diversa dal passato. La sua vera grande riforma e la sua carta di assicurazione, sia quando e' stato all'opposizione per lunghi anni sia quando ha governato con alterni successi, e' il mandato popolare diretto a governare. Sfiorita quella certezza, quell'ancoraggio, quella caratura senza prezzo della sua opera, sfiorita l'opera. L'altra cosa che Berlusconi sa, anche perche' e' un uomo di business, e' che il tentativo di offrire il suo scalpo ai mercati e anche alle forze speculative in manovra intorno ai mercati, e' la sua condanna, un rogo espiatorio, e la condanna del paese: un pastrocchio tecnico – conclude Ferrara – comminerebbe all'Italia rigore e stagnazione, rigidita' e ortodossia fiscale ma non sviluppo e lavoro, investimenti e apertura dell'economia a un risanamento e a una ripresa duraturi''.