Di Maio e Salvini pronti a riferire da Mattarella: “Sara’ premier politico”

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 maggio 2018 20:38 | Ultimo aggiornamento: 14 maggio 2018 8:11
Governo M5s-Lega, difficoltà sul nome del premier. Lunedì nuovo incontro

Governo M5s-Lega, difficoltà sul nome del premier. Lunedì nuovo incontro (Foto ansa)

MILANO – Ancora non c’è l’accordo tra Movimento 5 stelle e Lega sul contratto per il governo della cosiddetta maggioranza giallo-verde. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz – Apps on Google Play]   Fervono gli incontri tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, tanto che questi ha cancellato la sua partecipazione a Che tempo che fa di Fabio Fazio, per lunedì un nuovo incontro con Salvini.

I due hanno poi chiamato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dicendosi pronti a riferire. Ma le difficoltà maggiori restano sempre sul nome da indicare come presidente del Consiglio.

“E’ sempre politico, mai tecnico”, sottolinea Di Maio. “Di nomi non abbiamo parlato, ma c’è un ottimo clima al tavolo, si stanno affrontando temi importantissimi: per la prima volta nella storia si porta avanti una trattativa sul governo mettendo al centro i temi”.  E aggiunge: “Speriamo di chiudere il prima possibile”.

Per quanto riguarda i punti del programma ci sarebbe un accordo sulle pensioni. Sulla legge Fornero è stata trovata un’intesa.  “Non ci sono punti dove non c’è accordo, ci sono temi su cui si discute che interessano i cittadini – ha affermato l’esponente M5s Laura Castelli -. Oggi abbiamo parlato di lavoro, superamento della Fornero, della misura “quota 100″ per le pensioni, delle categorie professionali usuranti, abbiamo fissato dei punti”. Sulla Fornero, ha aggiunto, è stata “assolutamente trovata un’intesa”, sul tema “abbiamo chiuso”.

L’intesa sembra raggiunta anche sulla gran parte dei 22 punti previsti dalla prima bozza. Tra gli argomenti, la flat tax, il contrasto all’immigrazione clandestina e il reddito di cittadinanza.