Dal Pdl a Fli, poi da Fli al Pdl: andata e ritorno di tre assessori “finiani”

Pubblicato il 28 Dicembre 2010 10:22 | Ultimo aggiornamento: 28 Dicembre 2010 10:22

“Saluto con grande piacere il rientro nel Pdl di Giuseppe Martignoni, Luciano Lista e Giovanni Manelli, con i quali ho condiviso per anni tante battaglie e che da oggi riprendono un cammino comune”. Chi parla è Massimo Corsaro, deputato del Pdl e fedelissimo di Ignazio La Russa, che commenta così la decisione degli assessori della Provincia di Varese e dei Comuni di Busto Arsizio e di Castellanza di lasciare Fli e tornare nel Popolo della Libertà.

Secondo Corsaro, che è anche il vicecoordinatore del Pdl lombardo, “la scelta dei tre amministratori è solo l’ulteriore riscontro di come, alla prova dei fatti, la decisione di Fini di porsi all’opposizione del governo con una linea di totale abbandono delle idee e dei programmi politici e culturali della destra, rappresenti l’opzione disperata di un generale senza più esercito che, in particolare in Lombardia, mostra il più clamoroso fallimento”.

Conclude il deputato: “Giuseppe, Luciano e Giovanni, come Landi, Sbai, Angeli, Catone, Moffa, Polidori, Siliquini e tanti altri prima di loro, hanno preso atto che l’unico contenitore culturale per l’area di centrodestra è il Pdl”. E se Fli avesse vinto?