Grandi opere, Maurizio Gasparri ne parla al Senato il 5 dicembre: “Rilancio necessario”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 dicembre 2018 13:59 | Ultimo aggiornamento: 4 dicembre 2018 13:59

 

Maurizio Gasparri su grandi opere: Rilancio necessario

Grandi opere, Maurizio Gasparri ne parla al Senato il 5 dicembre: “Rilancio necessario” (Foto archivio Ansa)

ROMA – Rilanciare le opere pubbliche e le infrastrutture, questo il monito di Maurizio Gasparri nell’incontro che si terrà il prossimo 5 dicembre alle 15.30 nella sala Isma del Senato a Roma. L’incontro è stato organizzato dalle fondazioni Italia Protagonista, di cui Gasparri è presidente, e Lorenzo Necci dal titolo “Semplificazione e trasparenza: proposte per il rilancio delle opere pubbliche”.

Parlando delle infrastrutture, Gasparri ha spiegato: “Abbiamo deciso di affrontare questo tema perché riteniamo che mai come in questo momento il rilancio delle opere pubbliche possa corrispondere ad un effettivo rilancio del Paese. Noi sosteniamo che l’economia italiana dipenda molto dal futuro delle opere pubbliche. Dalla rigenerazione urbana alle nuove opere infrastrutturali, dallo sblocco dei cantieri fino ad una ulteriore revisione e semplificazione delle procedure del codice appalti, c’è bisogno di dare una accelerazione ai processi che regolano questo mondo”.

Gasparri ha poi aggiunto: “La triste vicenda di Genova è l’ennesimo segnale che il Paese ha bisogno di un ammodernamento e non può più rimanere fermo agli anni del boom economico di cui gran parte delle grandi opere presenti in Italia sono figlie. Bisogna ripartire con coraggio e determinazione per dare un presente operativo ed un futuro migliore all’Italia. Di questo parleremo con i rappresentanti delle categorie interessate, oltre ad Alessandra Necci della Fondazione Lorenzo Necci ci saranno Edoardo Bianchi dell’ANCE, Giuseppe Bonomi di Arexpo, Paolo Buzzetti di Aspesi, Alberto Chiovelli del MIT, l’avvocato Piselli e il senatore Schifani, capogruppo di Forza Italia in Commissione Lavori Pubblici”.