Grillo vittima del grillismo, è la pena del contrappasso; traffico di influenze illecite: è una boiata pazzesca

di Enrico Pirondini
Pubblicato il 23 Gennaio 2022 7:51 | Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio 2022 17:45
Grillo vittima del grillismo, è la pena del contrappasso; traffico di influenze illecite: è una boiata pazzesca

Grillo vittima del grillismo, è la pena del contrappasso; traffico di influenze illecite: è una boiata pazzesca

Grillo, Beppe, due o tre cose bisogna pur dirle su questa sorprendente (mica tanto) vicenda che sta travolgendo Beppe Grillo, sotto inchiesta per traffico di influenze illecite, il reato “preferito” dal M5S.

Il comico-fondatore  e garante dei Cinquestelle – indagato  dalla Procura di Milano –  è accusato di aver preso soldi per il suo blog dall’armatore napoletano  Vincenzo Onorato in cambio di favori  per arginare il dissesto in cui versava la sua flotta. 

Grillo avrebbe “veicolato ai parlamentari dei M5S  le richieste legislative di Onorato in favore di Moby” e stipulato accordi economici  di sostegno che risalgono al 2018-2019. L’ipotesi della accusa è che i contratti fossero fittizi e costituissero il “prezzo “ della mediazione. Accusa supportata dalle indagini della Gdf che avrebbe nutrito sospetti su un contratto triennale (600 mila euro all’anno ).

Di qui le perquisizioni nelle tre sedi coinvolte (Grillo, Casaleggio,  Moby),  la raccolta di “documenti cartacei e informatici”, anche le chat che Grillo e Onorato si sono scambiate.

La compagnia di navigazione era messa male, cercava finanziamenti dalla Politica, l’armatore ha bussato a molte porte, faceva accordi ovunque. Sotto inchiesta sono finiti pure i contratti con le fondazioni di Giovanni Toti e Matteo Renzi, con Pd e Fdi. L’armatore  era scatenato. Vero, falso? Vicenda enfatizzata? come dice Conte. In ogni caso valgono alcune considerazioni.

1) PENA DEL CONTRAPPASSO PER BEPPE GRILLO 

Fatto curioso, inedito: Grillo nella ragnatela del contrappasso  politico-legale. Richiamo anche suggestivo e letterario (Dante nell’Inferno). I rei, dice il Sommo Poeta, subiscono  la stessa pena che hanno inflitto all’offeso. Dunque Grillo sarebbe vittima del grillismo. Vittima della legge “spazzacorrotti” voluta proprio dal suo ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.

2) SCOPERTA DEL GARANTISMO 

Nato nell’Ottocento liberale in favore del necessario rispetto dei diritti  individuali e delle garanzie costituzionali poste a loro tutela contro le interferenze e gli eccessi dei pubblici poteri, il garantismo è stato riscoperto dai Grillini in queste ore difficili . Gli uomini del Grillo hanno invertito  la rotta.

Non più forcaioli, ma prudenti. Sono finiti i tempi cupi in cui attaccavano la “gentaglia che mette gli interessi personali, illeciti, davanti al benessere degli italiani “ (Manlio Di Stefano, palermitano, deputato Cinquestelle da due legislature, sottosegretario agli Affari Esteri nei governi Conte e Draghi). Ora prevalgono le frenate.

3) REATO COSTRUITO SUL NULLA

Il traffico di influenze è come la corazzata Potemkin del film di Fantozzi. Cioè una boiata pazzesca, come dice Tullio Padovani, professore di diritto penale all’ Università di Pisa. “ La si può girare come si vuole  ma alla fine i conti non tornano, perché è costruito sul nulla “. La legge è del 2012 e pochi mesi dopo la Cassazione è intervenuta dicendo che questa legge era “inapplicabile perché troppo fumosa “. Morale: un flop. Dal 2012 c’è  stata una sola condanna. A naso vien da concludere che anche stavolta Beppemao è salvo.