Guglielmo Epifani: “Congresso Pd, discussioni indegne. Perciò ho forzato…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 settembre 2013 19:29 | Ultimo aggiornamento: 23 settembre 2013 19:29
Guglielmo Epifani: "Congresso Pd, discussioni indegne. Perciò ho forzato..."

Guglielmo Epifani: “Congresso Pd, discussioni indegne. Perciò ho forzato…” (foto Lapresse)

ROMA – Guglielmo Epifani spiega perché ha deciso d’imperio le date del congresso del Pd: “Ho forzato politicamente la mano sulla data perché correvamo il rischio di continuare all’infinito questa discussione che non è degna di un partito come il Pd”. Epifani è intervenuto a Porta a Porta: “Se abbiamo i fari accesi su di noi è perché siamo l’unico partito che continua a fare congressi. Il Pd non è partito personale e contendibile”.

Epifani chiude anche all’ipotesi che il segretario del Pd sia anche automaticamente candidato premier del centrosinistra: “E’ sbagliato l’automatismo tra segretario e unico candidato del partito. Non si fa così nel resto d’Europa, né in Germania né in Francia. Ma penso che non basti fare una deroga tutte le volte. Serve la norma. Perché quando c’è una deroga c’è sempre chi la concede. E questo non mi piace, non è onesto”.

Infine, sempre sulle primarie: “Se c’è una cosa certa è che le primarie si faranno l’ 8 dicembre. Scommettiamo? Una volta che abbiamo deciso la data l’unico problema è il percorso del congresso: lì si vedono le regole non la data”.