Guglielmo Picchi, consigliere di Salvini: “Sanzioni alla Russia? Rimuovere almeno quelle per pmi”

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 giugno 2018 16:06 | Ultimo aggiornamento: 7 giugno 2018 16:06
Guglielmo Picchi, consigliere di Salvini: "Sanzioni alla Russia? Rimuovere almeno quelle per pmi"

Guglielmo Picchi, consigliere di Salvini: “Sanzioni alla Russia? Rimuovere almeno quelle per pmi” (Nella foto Ansa, Salvini)

ROMA – “Sanzioni alla Russia? Vorrei che Messi e Ronaldo fossero sempre nella mia parte di campo e non contro, lo stesso vale per la Russia. Lo scontro con la Tunisia? Alla fine il ministro è stato rimosso. Salvini non ha sbagliato più di tanto”: a dirlo è Guglielmo Picchi, deputato della Lega e consigliere del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini per la politica estera. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Picchi è intervenuto ai microfoni della trasmissione Ho scelto Cusano – Dentro la notizia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

In merito alle reazioni di Nato e Germania sulle sanzioni alla Russia ha detto: “Quando lo abbiamo messo nel programma, sapevamo che quello dei rapporti con Mosca sarebbe stato uno dei punti che avrebbe fatto più discutere. Ce lo aspettavamo. Diciamo che abbiamo già ottenuto il primo risultato: discutere di questo argomento, anche negli ambienti che tecnicamente sono meno competenti perché non mi pare che la Nato sia il forum più idoneo per parlare di sanzioni economiche. Abbiamo anche appreso che la volontà di dialogare con la Russia c’è, come ha dichiarato anche la Germania. Quindi ora stiamo andando nella direzione da noi auspicata. E’ un tema che abbiamo portato all’ordine del giorno, mentre prima queste sanzioni venivano rinnovate in automatico, senza che nessuno dei Paesi europei ponesse il problema”.

Sulla frase di Conte, che ha detto che “bisogna rivedere le sanzioni alla Russia”, Picchi spiega: “Conte ha usato giustamente il termine ‘rivedere’ le sanzioni, attraverso due linee guida che il premier non ha specificato. Prima di tutto bisogna fare un dibattito aperto, sia nell’opinione pubblica che tra i governi, per valutare se le sanzioni abbiano effettivamente raggiunto gli obiettivi che erano stati posti o se invece no. Il secondo punto è se si possa ipotizzare di escludere dal pacchetto sanzioni il settore delle piccole-medie imprese che sono vitali per l’Italia. Questa potrebbe essere l’interpretazione del ‘rivedere’ le sanzioni”.

Per Picchi è fondamentale rimuovere prima di tutto le sanzioni per le piccole e medie imprese. “Per il resto, è un dibattito che vogliamo portare avanti con i nostri partner europei, non credo che debba avvenire sulla stampa”.

Sull’Ue e i migranti: “Sulla riforma del regolamento di Dublino c’è ancora molto da fare. E’ una riforma che non è naufragata a causa dell’Italia, anzi l’Italia è l’ultima arrivata e si è accodata a 9 Paesi che erano contrari e tanti altri che erano estremamente perplessi. Stiamo discutendo, quindi sono fiducioso che si otterrà un risultato che garantirà l’Unione nel suo complesso e che andrà bene all’Italia. Minniti? Sbaglia quando dice che solo l’Ungheria non ha accettato i migranti, perché nessun Paese ha accettato nulla. La Francia ha sospeso Schengen da 4 anni, credo che abbia ricollocato al massimo 800 migranti. Le politiche di ricollocamento nella sostanza non funzionano e la solidarietà europea non c’è. Non siamo noi che siamo isolati dagli altri, sono gli altri che hanno deciso che la politica migratoria non è una questione che può essere affrontata a livello europeo, perché tutte le porte sono stato chiuse. Quindi dovremo fare da soli, ma sono ottimista che riusciremo a far passare il messaggio che la frontiera sud dell’Europa è una frontiera di tutti e non solo italiana. Male che vada continueremo come sotto i governi Renzi e Gentiloni”.

Infine, Picchi ha commentato anche l’incidente diplomatico con la Tunisia innescato dalle parole di Salvini: “Salvini è Salvini, è apprezzato e amato per com’è, per il linguaggio chiaro che esprime. Noi abbiamo problemi seri con la sponda sud del Mediterraneo. Non cito la Tunisia in particolare, ma sui rimpatri delle persone che hanno commesso crimini nel nostro Paese o che sono entrati illegalmente, gli Stati della sponda sud del Mediterraneo rallentano il processo di rimpatrio anziché agevolarlo. Questo è un fatto. Credo che dobbiamo lavorare affinché la cooperazione migliori. Mi pare che il ministro dell’interno della Tunisia sia stato rimosso, quindi Salvini non ha sbagliato più di tanto”.