Ignazio Marino col pennello, ricordate Gianni Alemanno con la pala?

di Daniela Lauria
Pubblicato il 28 Giugno 2013 11:54 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2013 11:54
Ignazio Marino col pennello come Gianni Alemanno con la pala?

Ignazio Marino col pennello come Gianni Alemanno con la pala?

ROMA – Prima riunione di giunta, primi buoni propositi, prima mossa alla Gianni Alemanno per Ignazio Marino e la sua squadra di dodici assessori. Il sindaco ha infatti annunciato un’iniziativa simbolica al termine della riunione: “Compreremo vernice e pennelli e andremo a ridipingere i luoghi degradati di Roma”, ha promesso e viene troppo facile il paragone con l’ex sindaco che si fece immortalare con la pala da neve.

Era febbraio dello scorso anno quando Alemanno, “sgridato” dall’allora ministro dell’interno Anna Maria Cancellieri e in lotta con la Protezione civile sulle responsabilità da attribuire per i disagi causati dalle abbondanti nevicate, si fece riprendere in diversi quartieri della città a spalare neve. Una strategia che gli costò non poche critiche e pure qualche derisione.

Con l’estate Ignazio Marino, invece della pala, imbraccia il pennello. Se il sindaco Alemanno chiedeva collaborazione alla cittadinanza e distribuiva pale nelle piazze per far fronte all’emergenza neve, il sindaco Marino, distribuisce pennelli in nome del decoro urbano. “Tutti insieme abbiamo deciso di avviare una grande stagione del decoro urbano, con il coinvolgimento dei cittadini – ha spiegato da piazza del Campidoglio dopo le foto di rito con i 12 assessori – Sarà un momento di avvio per riappropriarci della città, che è nostra, è bella e deve essere mantenuta bella”.

Marino, vestito azzurro e cravatta rossa, è arrivato in Campidoglio in bicicletta e caschetto con gli immancabili due vigili urbani. Si era già guadagnato per questo l’appellativo di sindaco ciclista, ora sarà il sindaco imbianchino senza qui voler rievocare un altro imbianchino di triste memoria.

La prima giunta – durata circa due ore – ha comunque affrontato subito anche un’altra questione spinosa, le aziende municipalizzate, finite nel ciclone di Parentopoli e di alcune inchieste giudiziarie. ”Ho preso l’impegno di portare in giunta mercoledì prossimo un atto di indirizzo sulla governance delle municipalizzate, da sottoporre con urgenza al Consiglio – ha affermato Marino – è una decisione molto rigorosa perché siamo molto preoccupati e vogliamo agire sulla governance”. Insomma, laddove la mossa del pennello sembra fare il verso alla pala di Alemanno, i primi impegni della giunta Marino sembrano invece prendere le distanze dal predecessore.

Il chirurgo ha parlato anche della pedonalizzazione dei Fori Imperiali, promessa per metà agosto all’indomani della sua vittoria elettorale. ”Il lavoro è già stato avviato – ha detto Marino -. Trasferirò quanto è stato fatto agli assessori alla Mobilità e alla Cultura. Sarà discusso in giunta, ma anche su questo ci sarà un lavoro di squadra”. Ma dall’opposizione Roberto Cantiani già ironizza: ”Primo impegno di Marino ridipingere i muri? Povera Roma…”.