Immigrazione/ Calderoli: linea dei fatti e del rigore contro il fenomeno dell’immigrazione clandestina

Pubblicato il 14 Maggio 2009 12:35 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2009 15:05

«La retorica pubblica non ci appartiene. La Lega ed il governo hanno scelto, infatti, la strada non delle parole, ma dei fatti e del rigore contro un fenomeno, quello dell’immigrazione clandestina, che è già emergenza».

Lo dice, a quanto riporta l’Agi, Roberto Calderoli, ministro per la Semplificazione Normativa e coordinatore delle Segreterie nazionali della Lega Nord, che aggiunge: «Le scelte effettuate dal ministro Maroni e dalla maggioranza sono le uniche decisioni possibili e rappresentano la sola risposta a quelle che sono le richieste che arrivano dal popolo, compresa anche una buona parte di coloro che alle elezioni hanno votato per l’attuale opposizione».

«Le regole e la certezza dei diritti e dei doveri  – prosegue il ministro – sono i miglori antidoti contro l’intolleranza e la xenofobia che, altrimenti, avrebbero rischiato di nascere spontaneamente dai cittadini qualora il Governo non li avesse difesi e tutelati».

Calderoli conclude: «La retrorica è invece soltanto di chi, attraverso l’immigrazione incontrollata, vorrebbe scatenare una guerra dei poveri, per cercare di recuperare così un elettorato ormai perduto anche nel mondo operaio».