Imu, Flavio Tosi: “Pasticcio del governo per accontentare Berlusconi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Maggio 2013 8:58 | Ultimo aggiornamento: 10 Maggio 2013 9:04
Imu, Flavio Tosi: "Pasticcio del governo per accontentare Berlusconi"

Flavio Tosi, sindaco leghista di Verona (LaPresse)

ROMA – Flavio Tosi, sindaco leghista di Verona, conferma la sua fama di anima critica della Lega Nord e del centrodestra, di “giovane” contro i “vecchi”, attaccando sul tema dell’Imu il governo di Enrico Letta e indirettamente Silvio Berlusconi: “Hanno fatto un pasticcio solo per accontentare Berlusconi, spero vivamente che Letta sia in grado di rompere i vecchi schemi, sembra di essere tornati ai tempi di Monti”.

Così, in un’intervista a Repubblica, Tosi boccia la scelta di sospendere la rata di giugno dell’Imu sulla prima casa, facendosi portavoce del malessere dei sindaci: “Sarei felicissimo se gli italiani non la pagassero più”, spiega, ma “intanto si tratta solo di un rinvio” e poi non si stabilisce “almeno per il momento come si compensano le mancate entrate ai Comuni”.

E questo significa che “da giugno non ci saranno i soldi per erogare servizi essenziali, perché l’Imu è una componente chiave del bilancio dei Comuni”.

Insomma, “arriva il nuovo governo e si fa bello abolendo l’Imu, mandando così sul lastrico i Comuni: troppo facile e poco serio”.

Al momento “hanno fatto un pateracchio che non risolve nulla e mette nei guai i Comuni. Si sono comportati come se fossimo ancora in campagna elettorale, non mi sembra una bella partenza per questo governo. Anche se, lo voglio ripetere, io spero ancora in Letta”.

E , conclude, “spero ancora, nonostante tutto, che stavolta l’equità venga in qualche modo salvaguardata, che si favoriscano i proprietari di casa meno abbienti. Un governo serio su una cosa così non può agire alla carlona”.