Imu, suspense seconda rata: nella manovra da 3 miliardi non c’è

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 settembre 2013 10:52 | Ultimo aggiornamento: 24 settembre 2013 10:55

parlamentoROMA – Imu, la seconda rata è col batticuore: in sostanza si saprà solo a fine novembre se dovrà essere pagata a dicembre. Perché nella manovra da 3 miliardi che il governo si appresta ad approvrare per tamponare i conti pubblici non ce n’è traccia: niente risorse per la seconda rata Imu.

La manovra di aggiustamento costa da sola 1,6 miliardi, ai quali si aggiunge 1 miliardo per evitare l’aumento dell’Iva al 22% e 400 milioni per rifinanziare le missioni militari all’estero. Sono, appunto, 3 miliardi che il governo pensa di ricavare da un intervento di vendita di immobili pubblici, da un taglio alla spesa dei ministeri e da un ulteriore aumento dell’acconto Irpef e Ires.

Ma nessuna specifica alla voce Imu: per sterilizzare la seconda rata di dicembre servono 2,3 miliardi. Non poco e il governo rimanda tutto a fine novembre, quando la questione Imu sarà però urgente visto che andrebbe pagata il 16 dicembre.