Inchiesta Trani, Berlusconi: “Individuare le talpe”

Pubblicato il 18 Marzo 2010 0:45 | Ultimo aggiornamento: 18 Marzo 2010 0:45

Il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, si è detto certo che stavolta «finalmente» le «talpe» che hanno diffuso ai giornali le intercettazioni dell’inchiesta di Trani saranno individuate.

Una fuga di notizie, ha sottolineato, illegale e che perciò deve essere sanzionata e punita secondo la legge. Berlusconi ha ricordato che le intercettazioni sono finite su alcuni giornali e ha citato in particolare La Repubblica e Il Fatto.

Nell’auspicare una punizione esemplare per gli autori o l’autore della fuga di notizie, il Cavaliere ha anche sottolineato come nel caso specifico non sia troppo difficile individuare i responsabili: secondo Berlusconi infatti ad avere le carte, poi trapelate sui giornali, erano soltanto i pubblici ministeri che indagavano o gli uomini della Guardia di finanza che hanno effettuato le intercettazioni.

Una cerchia ristretta all’interno della quale, secondo il Cavaliere, non dovrebbe essere difficile individuare le talpe.