Indignati, Vendola: "Vere vittime sono i manifestanti pacifici"

Pubblicato il 15 ottobre 2011 18:13 | Ultimo aggiornamento: 15 ottobre 2011 18:13

ROMA, 15 OTT – ''Oggi a Roma sono andate in scena due manifestazioni. Una e' quella meravigliosa di centinaia di migliaia di persone che hanno lavorato per portare i loro simboli, per manifestare pacificamente lo spirito di rivolta contro un destino di precarieta' che rischia di risucchiare il senso della vita di questa generazione. Dall'altra parte c'e' stata un'altra manifestazione. Quella di minoranze di teppisti, di black block che come si e' visto, sono innanzitutto in azione per togliere la scena agli 'indignati', per prendere loro la parola, e loro parlano bruciando auto e rompendo telecamere''. Queste le parole che il presidente nazionale di Sinistra Ecologia Liberta' (Sel) Nichi Vendola ha rilasciato ai microfoni di Sky Tg24.

''La violenza dei black block – ha proseguito il governatore della Puglia – crea solo un cortocircuito che serve a militarizzare il conflitto, mentre questo conflitto, che riguarda la cultura, l'economia e la societa', oggi appartiene alla stragrande maggioranza dei cittadini. Tutti sentono che stiamo slittando verso un buco nero. Tutti stanno cercando di aprire una finestra per venire fuori da questa situazione. Ma questa finestra e' stata chiusa dai black block. Lo stesso corteo dei pacifisti – ha concluso Vendola – ha cercato di espellere i violenti, ha cercato di bloccare i black block: i black block contro gli indignati e l'indignazione si esprime pacificamente contro la violenza''. (