Ingv inutile: “Non prevede i terremoti”. Deputati Pdl: “Va ridimensionato”

Pubblicato il 9 luglio 2012 14:00 | Ultimo aggiornamento: 9 luglio 2012 14:03

terremoto pianura padanaROMA – L’Ingv dovrebbe prevedere i terremoti. I terremoti sono impossibili da prevedere. Dunque, “l’Ingv va ridimensionato” in quanto poco utile alla collettività. E’ questo il curioso sillogismo che ha portato tre deputati del Pdl a proporre drastici tagli all’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Secondo i tre pidiellini mille dipendenti sono troppi per un ente che non riesce neanche a prevedere i terremoti.

I tre deputati in questione sono Gianni Mancuso, Carlo Ciccioli e Francesco Giro. E sono così convinti della loro idea che hanno chiesto ufficialmente al governo di occuparsi della vicenda, tramite interrogazione parlamentare.

Mancuso, Ciccioli e Giro chiedono al Governo di “assumere iniziative per un sensibile ridimensionamento delle dimensioni organizzative dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia”.

I deputati puntualizzano: “L’Ingv è ente pubblico che conta 1.000 dipendenti, di cui 400 precari; le tendenza mondiale è di enti scientifici con meno di 400 dipendenti; è scientificamente comprovato che non vi è alcuna possibilità di prevedere i terremoti o le eruzioni vulcaniche; i recenti eventi sismici nel nostro Paese hanno purtroppo dimostrato l’inutilità delle previsioni sui movimenti tellurici”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other