Sfuma ancora la nomina del ministro allo Sviluppo Economico, e spunta il nome di Casero

Pubblicato il 8 Settembre 2010 12:17 | Ultimo aggiornamento: 8 Settembre 2010 12:17

Silvio Berlusconi

E’ sfumata anche ieri, martedì 7 settembre, la nomina del nuovo ministro dello Sviluppo Economico. E Silvio Berlusconi continua, da più di quattro mesi, a tenere per sé l’interim. Nella giornata di ieri era previsto un consiglio dei ministri e tutti pensavano che la nomina sarebbe arrivata in quel momento, come d’altronde promesso dallo stesso Berlusconi non più tardi di una settimana fa. Ma l’incontro a palazzo Chigi di martedì è stato un incontro lampo, da record: solo quindici minuti di Consiglio dei ministri a cui, tra l’altro, non ha partecipato nemmeno il presidente del Consiglio. Il perché è presto detto: sia Berlusconi, sia gli altri ministri erano tutti indaffarati a palazzo Grazioli nel vertice del Pdl sulla crisi nella maggioranza.

E quindi anche questa volta la nomina del ministro allo Sviluppo economico, ministero lasciato vacante in maggio da Claudio Scajola, è saltata. Intanto si fanno pronostici sul nome del prescelto. La figura più accreditata resta quella del viceministro Paolo Romani. Un nome però che continua a far discutere e storcere il naso per la sua “vicinanza” e amicizia con Mediaset. Tanto che al suo fianco iniziano a girare nuovi nomi. Uno è, ad esempio, quello del sottosegretario all’Economia Luigi Casero che ieri, guarda caso, è stato avvistato a palazzo Grazioli da Berlusconi. Un’altro nome sarebbe quello di Annamaria Bernini, già vice portavoce del Pdl e candidata alle ultime regionali in Emilia Romagna, ma che si vocifera sia piuttosto in odore di una poltrona da sottosegretario.