Iris Berardi andò ad Arcore da minorenne, ma Berlusconi c’era?

Pubblicato il 28 Gennaio 2011 19:21 | Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2011 19:22

Iris Berardi

Iris Berardi, la nuova ragazza entrata di scena nel Ruby-gate, era sì minorenne nel 2009 ma, stando a quanto riportato dal Giornale, quando Iris andò ad Arcore Berlusconi non era presente. Iris, brasiliana, è nata il 28 dicembre 1991 e quindi minorenne fino allo stesso giorno del 2009. La giovane stando ai tabulati telefonici risulta essere stata una trentina di volte ad Arcore nel corso del 2010, quando aveva già compiuto 18 anni. Ma i medesimi tabulati la segnalano nei pressi di residenze del Cavaliere nel 2009, prima del diciottesimo compleanno. Però in nessuna delle due occasioni c’era anche Silvio Berlusconi.

Il 21 novembre, quando Iris fa visita a Porto Cervo, il premier non può essere a Villa Certosa perché è in missione di Stato in Arabia Saudita. Il 13 dicembre, quando la fanciulla “aggancia” col suo telefonino il ripetitore Tim di Arcore, è ancora più facile escludere che si sia incontrata con il capo del governo: quella sera infatti Berlusconi è ricoverato in ospedale, al San Raffaele, dopo che Michele Tartaglia gli ha tirato in faccia un modellino del Duomo di Milano.

Nulla di nuovo, dunque, sul fronte investigativo? Non esattamente. La figura di Iris Berardi sembra destinata comunque a svolgere un ruolo significativo dell’inchiesta. Secondo i pm milanesi le numerose presenze ad Arcore della ragazza costituirebbero un ulteriore riscontro di quella che è una delle tesi portanti dell’indagine.

A Villa San Martino, nella ricostruzione dei pm, non si tenevano innocenti feste a base di musica e barzellette ma incontri a luci rosse con donne che per questo venivano retribuite. Questo non costituisce un elemento d’accusa a carico del premier (tranne che per il presunto contatto con Ruby, allora minorenne) ma lo è per gli altri indagati: Nicole Minetti, Emilio Fede e Lele Mora, tutti accusati di avere tirato, in un modo o nell’altro, le fila del circuito di ragazze.