Italia 150. Borghezio: “Il Belgio nel nostro destino. Gli italiani saranno i nostri migliori vicini di casa”

Pubblicato il 17 Marzo 2011 16:14 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2011 16:58

ROMA – “E’ fuori luogo buttare via tutti questi soldi”: l’europarlamentare della Lega Nord, Mario Borghezio, in collegamento da Bruxelles, ha ribadito stamattina a Omnibus su La7 la propria contrarietà all’istituzione di una giornata di festa nazionale in occasione del 150esimo anniversario dell’unità d’Italia. “Sarebbe stato meglio che lavorassero”, ha aggiunto riferendosi agli esponenti della politica che presenzieranno all’Altare della Patria. “La corona all’Altare della Patria sarebbe stato meglio se l’avessero portata il Presidente della Repubblica, i corazzieri e i rappresentanti delle Forze Armate”.

“Il destino, il vento della storia porterà a due Italie. Il Belgio docet. Il Belgio non è lontano. Le esigenze della storia e dell’economia imporranno due nazioni. Gli italiani saranno i nostri migliori vicini di casa”, ha poi detto Borghezio. Che ha concluso con due considerazioni su Federalismo (“Questo Federalismo è il meglio che si possa fare”) e Cavour: “Considero Cavour come un genio padano, ha modernizzato il Paese”.