L’Unità d’Italia secondo Zaia: “Il Risorgimento si completa col federalismo”

Pubblicato il 6 Marzo 2011 10:07 | Ultimo aggiornamento: 6 Marzo 2011 10:08

Luca Zaia

ROMA – ”Sui 150 anni c’è una via conservatrice, quella dei convegni e delle celebrazioni. C’è una via revisionista, con le sagome di Garibaldi al rogo. E ce n’e’ una riformista, la mia, che dice che il Risorgimento si completa col federalismo”.

Così il governatore del Veneto, Luca Zaia, in una intervista al Gazzettino, dopo le polemiche per la sua partecipazione all’inaugurazione dell’anno accademico all’Università di Padova senza esibire la coccarda tricolore, come hanno fatto invece molti dei presenti.

Per Zaia, il federalismo municipale non porterà  più tasse: ”Lo stanno presentando male. La verità è  che abbiamo imboccato la via delle riforme, che avremo la compartecipazione all’Iva e che la vera partita sara’ sui costi standard”.

E proprio per difendere, intanto, la sanità della Regione, il presidente si assenta spesso dai lavori del Consiglio Regionale: ”Non sono andato a coltivare i miei hobby, se non sono in aula e’ perche’ sono a Roma dove di questi tempi c’è battaglia per salvare 200 milioni di euro per la sanità veneta. Se nessuno va a Roma, si perde il banco. Ed è  quello che spesso è avvenuto in passato. I 300 milioni per l’alluvione mica li porti a casa stando seduto in consiglio regionale”.