Italicum, tornano preferenze? Berlusconi: “No nominati”, mezzo Pd: “Via liste bloccate”

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 febbraio 2014 16:56 | Ultimo aggiornamento: 8 febbraio 2014 16:56

Italicum, tornano preferenze? Berlusconi: "No nominati", mezzo Pd: "Via liste bloccate"ROMA – Legge elettorale, torneranno le preferenze? Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, punta il dito contro il Porcellum e le sue liste bloccate (che restano però nella proposta Renzi-Berlusconi dell’Italicum) scagliandosi contro un “parlamento di nominati”. Gli risponde la minoranza del Pd: allora eliminiamole. Il tutto succede alla vigilia di una settimana bollente in cui la riforma della legge elettorale si appresta a tornare nell’Aula della Camera.

“Avevamo perso il rapporto con le persone – ha detto Berlusconi criticando il Porcellum – e in Parlamento c’erano i nominati. Questo fatto ha prodotto che i parlamentari non dovevano tornare a casa e occuparsi dei problemi locali e occuparsi degli amici che dovevano votarli la prossima volta. E questo ha fatto perdere il contatto con i cittadini. Ci siamo sclerotizzati, chiusi in noi stessi”.

“È un’ottima notizia la clamorosa autocritica di Berlusconi sul Porcellum – dice Alfredo D’Attorre, deputato “cuperliano” Pd – e sul parlamento dei nominati. A questo punto, se le parole hanno un senso, immagino che finalmente non ci saranno più ostacoli a cancellare le liste bloccate dall’Italicum e a restituire ai cittadini la scelta dei parlamentari”.