Ius soli, Lega: “Le promesse della Kyenge alimentano la tratta di bambini”

Pubblicato il 5 Giugno 2013 15:21 | Ultimo aggiornamento: 5 Giugno 2013 15:21
Ius soli, Lega: "Le promesse della Kyenge alimentano la tratta di bambini"

Ius soli, Lega: “Le promesse della Kyenge alimentano la tratta di bambini”

BOLOGNA – Dopo le promesse del ministro Cecile Kyenge sullo ius soli, “oltremare è partita la tratta di bambini”. Il campanello d’allarme risuona nelle orecchie del deputato leghista e capogruppo della Lega Nord in commissione Giustizia, Nicola Molteni, e Manes Bernardini, consigliere regionale e responsabile ‘Sicurezza, Giustizia e Immigrazione’ della Lega Nord Federale.

Molteni ha presentato un’interrogazione ai ministri dell’Interno e dell’Integrazione, ai quali ha chiesto “i numeri dei bambini sbarcati” dall’insediamento del governo ed eventuali parentele con altri immigrati. “Il 60 per cento degli immigrati sbarcati a Bianco (in Calabria, ndr) – hanno rilevato i due esponenti della Lega – è composto da mamme e bambini: è un campanello d’allarme”. “Le promesse del ministro Kyenge sullo ius soli hanno già attivato i primi barconi e potenziato il ‘business’ degli scafisti“.

“Oltremare sta passando il messaggio che sulla pelle dei bambini si può conquistare l’agognata cittadinanza italiana. Ed è partita la corsa alla regolarizzazione. Siamo in piena situazione di rischio. Il governo corra ai ripari immediatamente. O sarà troppo tardi”.

Molteni e Bernardini infine si rivolgono direttamente al premier, Enrico Letta: “Ha il potere di destituire il suo ministro. Ci pensi. Gli effetti di questa ‘campagna acquisti’ sono allarmanti e il pericolo è in agguato”.