Politica Italia

Ius soli, Zanda (Pd): “Portarlo in Aula ora sarebbe la sua condanna a morte certa”

Ius soli, Zanda (Pd): "Portarlo in Aula ora sarebbe la sua condanna a morte certa"

Ius soli, Zanda (Pd): “Portarlo in Aula ora sarebbe la sua condanna a morte certa”

ROMA – Luigi Zanda, capogruppo del Pd al Senato, torna sul tema ius soli dopo la presa di posizione di Ap, che si è detta contraria al disegno di legge: “Portare oggi nell’aula del Senato lo ius soli significherebbe condannarlo a morte certa e definitiva”, afferma in una nota il presidente dei senatori del Pd, che poi aggiunge: “La posizione ribadita ieri da Ap conferma che per approvare lo ius soli al Senato mancano alla maggioranza 24 voti. Purtroppo i sette senatori di Sinistra italiana e i pochi di altre componenti che, oggi, voterebbero a favore del provvedimento non sono sufficienti a formare una maggioranza che possa approvarlo. Questi, al di là di ogni dietrologia, sono i numeri reali”.

Conclude Zanda: “Preferisco continuare a lavorare per trovare una reale maggioranza, sia proseguendo il confronto con Ap (che ha già votato la legge alla Camera e che ancora ieri lo ha definito una legge giusta) sia negli altri gruppi del Senato”.

To Top