Iva aumenterà. Gasparri: “Conferma dal Governo”. Di Maio nega ma Tria ha detto…

di Marilena d'Elia
Pubblicato il 21 maggio 2019 13:00 | Ultimo aggiornamento: 21 maggio 2019 13:00
Iva aumenterà. Maurizio Gasparri: "Conferma dal Governo". Di Maio nega ma Tria ha detto...

Iva aumenterà. Gasparri: “Conferma dal Governo”. Di Maio nega ma Tria ha detto… (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Aumento IVA, ci sarà. Maurizio Gasparri lancia l’allarme: “Confermata dal Governo la rapina a danno degli italiani”.

Giustifica il timore del sen. Gasparri (Forza Italia) una affermazione del ministro dell’Economia Giovanni Tria: “Secondo me è meglio avere più imposte indirette, in altri termini più IVA, e meno IRPEF. Ma questo non ha niente a che vedere con l’ammontare complessivo delle tasse”. Queste le parole sono state la risposta di Tria alla domanda se l’IVA aumenterà o no,  in diretta tv nel corso di Agorà Rai Tre, condotto da Serena Bortone.

La conclusione di Gasparri è:

5 x 1000

 “Il governo conferma l’aumento dell’IVA. Chi vota il 26 maggio per uno dei partiti di governo favorirà la rapina a danno delle famiglie italiane. Il voto gialloverde vuol dire aumento dell’IVA. Il governo lo ha confermato ufficialmente adesso. Blocca la rapina, boccia i partiti di governo”. 

Più facile credere a Gasparri e Tria che non a Luigi Di Maio, il quale invece ha negato ogni possibile aumento dell’IVA.

La logica è dalla parte di Tria. Un riequilibrio della pressione fiscale passa per uno spostamento del carico da quella metà di italiani che paga le imposte dirette a quella metà che ne è esente o comunque non le paga.

Di Maio è in piena campagna elettorale e le spara sempre più grosse. A quanto riferisce Teleborsa, intervenendo a Mattino Cinque Di Maio ha detto tutto e il contrario di tutto: ha assicurato che l’IVA non aumenterà e che anzi si lavorerà per abbassare le tasse.

C’è di più, ha anticipato Di Maio: oggi 21 maggio saranno annunciate con i Ministri del M5S una serie di iniziative per la fase due del governo. 

Gasparri non ha perso l’occasione anche per tornare su uno dei suoi temi preferiti, il presentatore tv Fabio Fazio, definendolo “valletto delle cause sbagliate”.  

Ha detto Gasparri:

“Sottoscrivo dalla prima all’ultima parola ciò che ha detto la capogruppo di Forza Italia al Senato, la senatrice Bernini, su Fazio. Il quale ha fatto da sgabello a Di Maio che lanciava contumelie sugli avversari. Ma non mi meraviglio. Fazio questo è. Un valletto delle cause sbagliate. Uno strapagato servitore delle propagande del potente di turno. Fazio non va spostato di rete, Fazio deve cambiare mestiere. Fazio percepisce milioni e milioni dalla Rai, nonostante non abbia certo contribuito molto agli ascolti della prima serata della domenica di Rai Uno. Viene tenuto in quella posizione contro ogni logica aziendale”.