Blocco Iva, acconto Irpef 100% e l’anticipo Ires: tassa che evita tassa

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 Giugno 2013 13:47 | Ultimo aggiornamento: 26 Giugno 2013 16:17
Blocca l'Iva, aumenta l'Irpef e l'anticipo Ires: la tassa per evitare la tassa

Blocca l’Iva, aumenta l’Irpef e l’anticipo Ires: la tassa per evitare la tassa

ROMA – Iva bloccata, scongiurato l’aumento previsto per luglio. Il governo, con un decreto, ha finalmente trovato il modo di bloccare quell’aumento, dal 21 al 22%, già deciso in precedenza. I consumi possono rifiatare, o meglio, evitare una ulteriore contrazione a causa delle tasse. Non proprio. Perché per bloccare la tassa il governo ha aumentato un’altra tassa.

A leggere il testo del decreto appena firmato dal Consiglio dei ministri si scopre che è stato deciso anche un aumento dell’acconto Irpef al 100%. A novembre, quando si versa l’anticipo dell’acconto sull’imposta sulle persone fisiche, i contribuenti non dovranno più versare il 96% delle tasse dovute per l’anno successivo, ma l’intero ammontare, il 100%. Fino a oggi infatti la parte rimanente andava versata a giugno.

Aumento virtuale, certo, ma pur sempre una piccola stangata proprio in prossimità del Natale, quando di solito i consumi hanno un picco. Una beffa anche perché la riduzione dell’acconto Irpef, dal 99 al 96%, era stata decisa proprio da Mario Monti, il premier criticato sia da Pd che da Pdl come eccessivamente “rigorista”.

Non solo. Il decreto recita che “Per il periodo d’imposta in corso al 31 diecembre 2013, la misura dell’acconto dell’imposta sul reddito delle società è aumentata dal 100 al 101 per cento”. Non più soltanto un anticipo totale delle tasse da versare, ma una sorta di anticipo delle imposte dell’anno successivo.