La fidanzata montenegrina: “Io e Silvio insieme da quando ho 18 anni”

Pubblicato il 29 Settembre 2011 9:20 | Ultimo aggiornamento: 29 Settembre 2011 9:23

Katarina Knezevic sulla pagina di Repubblica

MILANO – “Mi chiamo Katarina Knezevic, ho 20 anni, e sono la fidanzata di Silvio Berlusconi”. Eccola la miss Montenegro, “fidanzata” del premier come risulta dalle chiacchiere intercettate ad alcune ragazze che affollavano le feste di Arcore. E’ lei la “montenegrina” di cui parlava Imane Fadil, altra presenza dei bunga-bunga che per prima aveva parlato di una fidanzata che “viveva ad Arcore”. Quella che, marcia di gelosia, per attirare l’attenzione di Silvio durante una “cena elegante” si era buttata dalle scale.

Stavolta è Katarina stessa a parlare, raccontando a Repubblica il retroscena della sua storia d’amore. “Ci siamo conosciuti nel 2009. Era l’inizio di maggio e io avevo 18 anni. Silvio si era appena separato dalla moglie (il 3 maggio 2009 Veronica Lario ha già avviato le pratiche per la separazione e il divorzio, ndr). Ci siamo incontrati a Milano, a un’inaugurazione. Dove c’è lui ci sono io, lo seguo ovunque. La nostra relazione non è un mistero. Anche se finora abbiamo sempre evitato di farci fotografare insieme”. Katarina è diventata maggiorenne il 21 maggio del 2009.

Il suo nome è spuntato a inizio settembre dopo la testimonianza di Imane Fadil, altra ragazza delle feste, che aveva raccontato ai pm milanesi del caso Ruby: “Berlusconi mi rivela personalmente che questa ragazza montenegrina è la sua fidanzata, che è follemente innamorata di lui e che praticamente vive ad Arcore. Questa ragazza montenegrina, oltre ad una sorella gemella, ha una terza sorella più grande la quale, per motivi che non conosco, “tiene sotto torchio il presidente””. Così lei capisce, così qualcuno le dice a una festa: queste ragazze montenegrine, forse la sorella maggiore di Katarina, Slavica, 32 anni, tiene “sotto torchio” Berlusconi. Slavica, anche lei ex Miss Montenegro, un tempo era vicina al boss montenegrino Ratko Djokic, ucciso a Stoccolma il 5 maggio 2002.

La sua versione: “Ricatti? Sono tutte balle – dice lei – . Queste ragazze parlano solo per invidia. Vorrebbero essere al mio posto e siccome non ci sono riuscite ne dicono di tutti i colori: su di me e sulla mia famiglia. Non ho mai ricattato Silvio, non potrei mai farlo, e non ne ho nemmeno bisogno”.

Katarina, con il suo outing, rischia però di complicare ulteriormente le cose. Racconta dell’incontro col premier a maggio 2009, ossia quando lei era a cavallo tra i 17 e i 18 anni. Lei nata nel 1991, quando il muro di Berlino era caduto da un pezzo. Lui oggi compie 75 anni, è del 1936, quando Mussolini celebrava l’impero fascista e la conquista dell’Etiopia. Nel 1991 Drive In era già un ricordo. Nel 1936 la televisione in Italia neanche esisteva. Ma lei non se ne cura:  “In amore l’età non è importante. Una persona straordinaria come lui avrebbe potuto avere anche cento anni: mi avrebbe colpito allo stesso modo”.

Ambiziosa, Katarina. In un sms a un amico (riportato da Repubblica), scrive: “Sono la donna più potente del mondo”. Ad Arcore, dove il premier fa le cene di Natale con figli e nipoti, per esempio, dice di essere di famiglia. “Se conosco i figli di Silvio? Certo. Sono tutti carini con me”.