La Russa: “400 milioni di tagli in meno alla sicurezza”

Pubblicato il 16 ottobre 2011 19:00 | Ultimo aggiornamento: 16 ottobre 2011 19:27

ROMA – Il ministro della Difesa Ignazio La Russa, all’indomani degli incidenti di Roma: ”400 milioni del miliardo e 600 proveniente dalla vendita delle frequenze sono stati assegnati al comparto Difesa e sicurezza. 200 al ministero della Difesa e 200 al Viminale, anche per i carabinieri”.

”E’ una buona notizia perche’ in questo modo riusciremo ad attenuare gli effetti dei tagli che ci riguardano”, ha detto La Russa nel corso della sua visita ufficiale negli Usa.

Ai giornalisti che gli chiedevano un commento alle affermazioni dei sottosegretari all’Interno e alla Difesa, Mantovano e Crosetto, che hanno chiesto di ”rivedere l’insieme dei tagli alla sicurezza”, La Russa ha risposto che ”i sottosegretari non parlano mai se non in accordo con i rispettivi ministri e quindi e’ chiaro che noi sicuramente riteniamo che il comparto Sicurezza e Difesa debba continuare ad avere un trattamento specifico, dettato dal compito del tutto particolare che questi dipendenti pubblici hanno rispetto ad altri”.

Va in questa direzione, secondo il ministro, ”il segnale che proprio ieri e’ arrivato di assegnare al comparto Difesa e Sicurezza oltre il 50% del fondo di 800 milioni destinato a tutti i ministeri. Quindi – ha continuato – siamo soddisfatti di questa attenzione che e’ stata mostrata che per la Difesa comporta 200 milioni di tagli in meno e 200 milioni in meno per gli Interni, nei quali sono compresi i Carabinieri, che sono pure loro militari”.