La Russa, Ronchi, Meloni, Alemanno… Da ex An a “Cosa nera”

Pubblicato il 12 Giugno 2013 9:47 | Ultimo aggiornamento: 12 Giugno 2013 9:48

La Russa, Ronchi... Arriva la "cosa" nera: "Ruberemo elettorato deluso da Grillo"ROMA – Ignazio La Russa, Andrea Ronchi, Gianni Alemanno, Giorgia Meloni… anche Maurizio Gasparri. La destra degli ex An dopo la sconfitta alle comunali lavora a una “cosa” nera nella quale ritrovarsi. “È ancora presto per dire se usciremo dal Pdl o se saremo una corrente al suo interno”, spiega Andrea Ronchi. Quel che è certo, aggiunge, è che “con il sedici a zero per il Pd s’è chiuso un capitolo della politica italiana”.

Ovviamente non si sa ancora come sarà la “cosa” di destra. “Ripensare di fare An oggi – chiarisce Andrea Ronchi – sarebbe un errore”. “Non possiamo fare finta di niente di fronte alla sconfitta dei comuni – ha aggiunto – perché con la sconfitta è stata desertificata la classe dirigente del territorio“.

Ignazio La Russa, uno dei fondatori di Fratelli d’Italia insieme a Guido Crosetto, sta lavorando per l’atto costitutivo di quello che chiama “un centrodestra di prospettiva che avrà come leader Giorgia Meloni”. Sabato e domenica l’ex ministro della Difesa organizzerà a Milano una convention alla quale parteciperà come ospite d’onore Giulio Tremonti. Il nuovo progetto, spiega La Russa, “riparte dalle tesi di Fiuggi”, e si rifa “al modello culturale del pensiero italiano interpretato oggi da Marcello Veneziani, e ieri da Papini, Prezzolini e D’Annunzio“.

“E mira – spiega Ronchi – a intercettare l’elettorato moderato e cattolico che, deluso da Grillo, non intercettato dal centrodestra, finisce per guardare a Renzi”.